Blitz e minacce al porto per fermare le barche e i pescatori di Cesenatico

Protagonista un gruppo di 60-70 facinorosi. È stato necessario l’intervento a notte fonda dei carabinieri.

ANTONIO LOMBARDI – Momenti di grande tensione nella notte tra lunedì e martedì quando una settantina di persone, in gran parte parte giunte dalla Marche ma qualcuna anche da Rimini, si sono catapultate a Cesenatico per impedire il lavoro dei pescatori locali. Bersagli di minacce pesanti sono stati una trentina di pescherecci di stanza a Cesenatico. È stato necessario l’intervento a notte fonda dei carabinieri della Compagnia di Cesenatico per controllare che l’incursione nel porto non degenerasse. Una scena di stampo squadristico, durata da mezzanotte e mezza fin verso le 4.30, che ha turbato l’intera comunità locale. E non è neppure la prima volta che accade. (…)

Articolo tratto dal Corriere di Romagna

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy