Casa di ‘Fabrica’ a Montecchio: il recupero del patrimonio rurale sammarinese

La casa rurale dopo anni di abbandono viene recuperata grazie ad un sorprendente restauro conservativo e grazie alla volontà della Segreteria di Stato per il Territorio, l’Ambiente e l’Agricoltura e della Giunta di Castello di San Marino, di restituirla a tutti i cittadini sammarinesi, infatti a lavori terminati, la casa “Fabrica” diventerà museo della civiltà contadina e sede del Consorzio Terra di San Marino.

I lavori di restauro, iniziati nel 2004 ed ormai giunti a conclusione, sono stati eseguiti grazie al lavoro e agli approfondimenti degli esperti tecnici dell’Ufficio Progettazione di San Marino , i quali hanno volutamente lavorato cercando il più possibile di mantenere le prerogative delle case rurali di un tempo, infatti di regola le case rurali erano internamente in muratura e fatte con materiali da costruzione ricavati da tutto ciò che l’ambiente circostante metteva facilmente a disposizione: rocce, argilla, ciotoli, gesso. A san Marino ne sono rimaste circa una ventina in tutto, alcune restaurate da privati, altre ad opera dello Stato, altre purtroppo lasciate in degrado ed abbandono.

“Siamo felici di restituire ai cittadini sammarinesi una parte importante della nostra tradizione e cultura contadina- afferma il Segretario di Stato al Territorio, on. Marino Riccardi- soprattutto dopo l’inserimento di San Marino all’interno del patrimonio mondiale dell’Unesco. Il ridare alla luce la casa Colonica “Fabrica” e il farla diventare sede del museo della civiltà contadina testimonia infatti la volontà del governo non solo di tenere alla nostra cultura rurale ma anche di volerla valorizzare e di voler salvaguardare il più possibile il nostro territorio. L’obiettivo che ci siamo posti, anche attraverso questo progetto, è stato di tutelare, valorizzare e promuovere il territorio rurale, insieme alla difesa dell’ambiente e delle tradizioni locali. La casa “Fabrica” diventerà così un luogo dove sarà possibile portare a conoscenza delle giovani e future generazioni quelle che furono le condizioni e le abitudini di vita e di lavoro della gente di un tempo, con lo scopo di valorizzare la memoria storica attraverso la conservazione e la riappropriazione della nostra cultura. Date tali premesse il collegamento con il Consorzio Terra di San Marino è stato facile ed immediato. ”

“Siamo lieti di diventare i “custodi” della rinascente Casa “Fabrica” facendola diventare la nuova sede del Consorzio Terra di San Marino- spiega il presidente del consorzio, Flavio Benedettini. Il Consorzio è un progetto cooperativo di tutti i produttori agricoli ed ha come obiettivo la valorizzazione e la diffusione della nostra cultura sui nostri prodotti tradizionali. All’interno della casa “Fabrica” il consorzio collaborerà attivamente realizzando conferenze divulgative e di formazione-informazione sui prodotti sammarinesi, indirizzati agli studenti, adulti, professionisti del settore e sarà un luogo dove i bambini potranno materialmente fare il pane, piuttosto che dolci o il formaggio, o semplicemente dove tutti i sammarinesi potranno fare un tuffo nel passato e ritrovare le abitudini quotidiane dei loro nonni. Ci auguriamo che tutti i sammarinesi comprendano l’importanza delle nostre radici culturali e li aspettiamo tra qualche mese quando effettueremo l’inaugurazione ufficiale della Casa Museo “Fabrica”.

Consorzio Terra di San Marino

Ufficio Stampa

http://www.terradisanmarino.com/

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy