Casinò a San Marino. No, Arzilli

San Marino Oggi titola: Arzilli ribadisce: “no al casinò”

 Il tema è tornato di attualità in questi giorni con la nascente sala da  gioco a Riccione.

A ribadire il no a un casinò in Repubblica è stato il  segretario all’Industria e Commercio Marco Arzilli che dalla trasmissione  Palazzo Pubblico di Rtv, giovedì, alla domanda di Federico Pedini Amati  (Psrs) ha risposto dicendo che: “Il Patto per San Marino ha detto no  durante la legislatura al casinò. Confermo quanto è scritto nel programma  di governo”.

Al punto 6.5 del programma elettorale (divenuto poi  programma di governo) c’è infatti scritto sotto la voce “Casinò e giochi  della sorte”, che “Le forze politiche che si riconoscono nel Patto per San  Marino dicono un no fermo all’apertura di casinò per i prossimi cinque  anni e alla apertura di altre sale da gioco in territorio.

L’attuale assetto  societario della ‘Giochi del Titano’ rimarrà invariato.

La normativa vigente  sui giochi verrà rivista, differenziando i giochi della sorte dai giochi  d’azzardo, che dovranno rimanere vietati, e potenziando gli interventi  tesi a limitare gli effetti negativi derivanti dalla dipendenza dal gioco.            

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy