Cinque anni di carcere agli ultrà del Rimini per concorso morale in lesioni gravi

Ieri il giudice ha pronunciato una sentenza senza precedenti contro i 6 ultrà riminesi, alla sbarra per l’aggressione ai “nemici” riccionesi, uno dei quali perse l’uso di un occhio.

Sono stati inflitti 5 anni di carcere a Enrico Maria Baroni, 32 anni, Fabio Neri, 23 anni, e a Francesco Martini, 23 anni.

Quattro anni e 9 mesi, invece, a Davide Ernesto Manna, 23enne, e a Manuel Sarracino, 24enne.

Tutti condannati per concorso morale in lesioni gravi.

Il giudice ha inoltre condannato i 5 imputati a 6 anni di Daspo e saranno obbligati a presentarsi in questura ogni volta che ci sarà una manifestazione calcistica.

A ciò si aggiunge il risarcimento per la parte civile che è stata fissato a 360.000 euro.

L’unico assolto è stato Thomas Costantini per insufficienza di prove.

Per l’accusa non ci sono mai stati dubbi, quello che si era consumato il 13 agosto di 2 anni fa, era stato un agguato degli ultrà biancorossi nei confronti dei tifosi avversari.

Ora gli avvocati difensori sperano nell’Appello.

Fonte: “Il Resto del Carlino”

 

Ascolta il giornale radio di oggi

Oggi i Giornali parlano di…

Webcam Nido del Falco

Meteo San Marino di N. Montebelli

Vignette di Ranfo

Accadde oggi, pillola di storia

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy