Consiglio Grande e Generale, 29 aprile, seduta pomeridiana. SMNA

Consiglio Grande e Generale 26 aprile -3 maggio

Venerdì 29 Aprile – Pomeriggio

Prosegue
l’esame dei 42 articoli del progetto di legge sulla Rappresentatività
sindacale nella seduta pomeridiana, in cui si registra da parte
dell’Aula l’accoglimento di un emendamento del Movimento civico Rete
relativo ai distacchi.

Il
confronto all’avvio della seduta riparte dall’
articolo
13

Quota di iscrizione,
modalità di determinazione e di riscossione”, in cui si concorda
una modifica formale con C10, Rete e Upr, ma viene respinto un
emendamento di Rete. Sull’
articolo 14,
“Aspettative e distacchi sindacali”, si apre invece un lungo
dibattito. Due sono gli emendamenti proposti da Civico 10, uno da
Rete.
Il primo emendamento di C10, illustrato da
Andrea
Zafferani,

estende la disciplina dell’aspettativa non retribuita ai distaccati
provenienti dal settore pubblico allargato. 

Il secondo, in
subordine, disciplina la rotazione degli incarichi interni al
sindacato, ponendo il limite di due mandati.
Roberto
Ciavatta
,
per Rete, presenta la proposta che, nel caso di dipendenti del
pubblico impiego, lo Stato non possa contribuire allo stipendio del
lavoratore distaccato per importi superiori a quelli corrisposti per
un sesto livello. Sulle proposte dei consiglieri dell’opposizione
sono diversi gli interventi a favore anche tra le file della
maggioranza, mentre dalla minoranza Su-LabDem, per voce del
capogruppo
Tony
Margiotta

esprime la sua contrarietà. 

In chiusura del dibattito Luigi
Mazza
,
capogruppo del Pdcs, annuncia parere favorevole all’emendamento di
Rete e anche il segretario di Stato,
Iro
Belluzzi
,
conferma che “questa è la linea che anche il governo intendeva
percorrere”. 

Così con
26 voti favorevoli e 18 contrari viene accolto l’emendamento di Rete
che pone un tetto alla contribuzione da parte dello Stato ai
distacchi sindacali
,
respinte invece le due proposte di C10.

Nel
corso dell’esame dei successivi articoli sono diversi gli emendamenti
di Rete e C10 presentati, ma nessuno risulta accolto.
I
lavori si interrompono con l’approvazione dell’articolo 30 “Contenuti
del contratto collettivo di settore con efficacia erga omnes”,
l’esame del progetto di legge riprenderà lunedì mattina .

Di
seguito un estratto degli interventi del pomeriggio sull’articolo 14.

Comma
20

.
Progetto di Legge “Della libertà
e attività sindacale nei luoghi di lavoro, della contrattazione
collettiva e del diritto di sciopero”

Articolo
14
Aspettative
e distacchi sindacali”

Sono tre gli
emendamenti presentati, uno da Rete e due di C10. Quello di Rete
viene accolto con 26 voti favorevoli e 18 contrari. Entrambi gli
emendamenti di C10 sono respinte: il primo con 29 voti contrari, 18
sì e un astenuto, il secondo con 30 no e 17 voti a favore.

Marino Riccardi, Psd

Marco Podeschi, Upr

Gian Franco Terenzi, Pdcs

Maria Luisa Berti, Ns

Valeria Ciavatta, Ap

Mimma Zavoli,
Civico 10

Tony Margiotta,
Su-LabDem

Matteo Zeppa,
Rete

Luigi Mazza,
Pdcs

Iro Belluzzi,
Segretario di Stato al Lavoro

Roberto Ciavatta,
Rete

Andrea Zafferani,
Civico 10

Leggi Report SMNA

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy