Consiglio Grande e Generale: proroga vertici ISS e Banca Centrale al centro del dibattito

CONSIGLIO
GRANDE E GENERALE 18-21 LUGLIO

LUNEDI’ 18 LUGLIO- Mattina

SAN MARINO. Sul fronte della lotta al terrorismo, il
segretario di Stato nel suo intervento anticipa che domani sarà
presentata al congresso di Stato la costituzione di un gruppo di
lavoro per definire e coordinare un piano strategico nazionale di
prevenzione e sicurezza. Concluso il riferimento del segretario
Valentini, il dibattito al Comma Comunicazioni si concentra su due
temi principali, la proroga ai vertici dimissionari dell’Iss e Banca
centrale
. In particolare, su questo secondo tema, viene sollevato il
caso della richiesta di residenza di due dipendenti dell’Istituto di
via del Voltone respinta in settimana dalla Commissione Affari
esteri, ma anche il problema dei crediti non performanti con cui deve
fare fronte il sistema bancario e finanziario sammarinese. Rispetto
ai due funzionari di Banca centrale,
Matteo Zeppa,
Rete, punta il dito contro la decisione presa dal Cda dell’istituto
che ha fissato la loro retribuzione senza tenere conto dell’esito del
referendum sul tetto degli stipendi. Ma anche contro le pratiche con
‘omissis’ e senza curricula inviate ai commissari che dovevano votare
la richiesta di residenza. Replica immediatamente il segretario di
Stato alla Finanze,
Gian Carlo Capicchioni, per
cui la richiesta di residenza era “in tutto in linea con le norme
vigenti” e il compenso dei due dipendenti “è stato deliberato
prima del quesito del referendum”.
Maria Luisa Berti,
Ns, puntualizza il ruolo della Commissione Affari esteri sulla
questione, rivendicando l’autonomia della deliberazione: “La
Commissione ha una facoltà di concessione delle residenze, non c’è
obbligo di presa d’atto delle delibere del Congresso di Stato”.
Per
Marco Podeschi, Upr, “il problema non è
la residenza concessa o non concessa- manda a dire- il problema è
politico, è inutile fare guerre nella maggioranza e poi fate appello
alla responsabilità”.
Luigi Mazza, Pdcs,
conferma la piena fiducia ai vertici dell’istituto di via del
Voltone, ma pone un limite. “Non voglio delegare lo sviluppo del
sistema in carta bianca- manda a dire- si chieda a Banca Centrale di
portare un piano strategico in linea con gli impegni indicati da
quest’Aula”.
Gerardo Giovagnoli, Psd, concorda
sulle necessità di definire le linee politiche. “Bcsm ha però
l’indipendenza sull’organizzazione interna- prosegue- non mi
risulta che ogni volta che è coinvolto un organo che ha a che fare
con lo Stato si vada a ingerire su chi è assunto”. R
ispetto
al problema dei Crediti non performanti, l
ancia un
appello alla responsabilità e all’unità il segretario di Stato
Giuseppe Maria Morganti,:
per affrontarli,
“l’unica speranza che abbiamo-
sostiene- è riposta nella scelta fatta poco tempo fa che ha
determinato una nuova linea di conduzione in Bcsm”, ovvero la
nomina della nuova dirigenza. Invece per
Federico Pedini
Amati
, Lbsm, il problema degli Npl non lo risolve né lo
Stato né ‘Bcsm. “Le banche hanno dei soci- suggerisce- e
interverranno a metterci mano”. Passa all’ultimatum
Francesca
Michelotti
, Sinistra unita: “Su Banca centrale o il
governo si mette d’accordo- ammonisce- o si dimette”.
In tema
di Iss,
Mimma Zavoli, C10, attacca duramente il
segretario per la Sanità: “Mussoni si deve prendere le
responsabilità di quanto ricade su di lui- manda a dire- se fossero
state accolte le dimissioni dei vertici dell’Iss, le sue sarebbero
state ineluttabili ma il governo ha preferito inghiottire il boccone
amaro”. Infine, chiude il dibattito la presentazione di un Odg da
parte di
Manuel Ciavatta, Pdcs, volto a chiedere
un progetto di legge per vietare la maternità surrogata a San
Marino. I lavori si interrompono con le risposte alle interpellanze e
interrogazioni che riprenderanno nel pomeriggio.

Di seguito un estratto degli interventi della seduta della
mattina.

[Resoconto San
Marino News Agency]

Comma 1. Comunicazioni

Pasquale Valentini, segretario di Stato agli Affari Esteri

Matteo Zeppa, Rete

Giancarlo Capicchioni, segretario di Stato alle Finanze

Mimma Zavoli, Civico 10

Maria Luisa Berti, Noi Sammarinesi

Marco Podeschi, Upr

Augusto Michelotti, Sinistra Unita

Luigi Mazza, Pdcs

Gerardo Giovagnoli, Psd

Nicola Selva, Upr

Roberto Ciavatta, Rete

Marco Gatti, Pdcs

Giuseppe Maria Morganti, segretario di Stato per la Cultura

Francesca Michelotti, Su

Federico Pedini Amati, Lbsm

Andrea Belluzzi, Psd

Franco Santi, C10

Lorella Stefanelli, Pdcs

Manuel Ciavatta, Pdcs

San
Marino, 18 LUGLIO 2016/01

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy