Coordinamento Frontalieri Repubblica di San Marino sul tavolo congiunto

Per dovere di cronaca informiamo gli organi di stampa che il tavolo che questa mattina, nelle sede nella Provincia di Rimini ha riunito sindacati, enti locali e parlamentari riminesi ha avuto come partecipantri attivi anche membri del Coordinamento Frontalieri.

Ricordiamo altresì che lo stesso tavolo è nato su richiesta del Coordinamento stesso e grazie alla disponibilità della Provincia e del Comune di Rimini che ha accolto favorevolmente le nostre istanze.

Precisato questo ci sembra di poter commentare favorevolmente l’impegno che tutte le parti in causa hanno dimostrato, ma sottolineamo che la nostra situazione è ancora molto incerta.

Evitiamo di ricalcare i contenuti già emersi dai comunicati stampa della Provincia, del Comune e del CSIR e aggiungiamo solo un elemento che a nostro avviso è molto importante. Al tavolo è emerso che il problema dei lavoratori Frontalieri e più in generale il problema dei rapporti fra i 2 Stati, pur nella sua enorme gravità, sia sottovalutato o addirittura ignorato a livello nazionale. Il sistema San Marino rischia la bancarotta e con esso tutta l’economia del territorio circostante. A nostro avviso serve una grande manifestazione avente lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica.

In questo senso si sono spesi favorevolmente sia il Comune e la Provincia di Rimini che il Segretario Mussoni. Tutti infatti hanno dichiarato che appoggerebbero pubblicamente un iniziativa di questo tipo. Ovviamente l’organizzazione dell’evento è di competenza dei sindacati, e quindi del CSIR, ed è a loro che lanciamo il nostro appello.

Ribadiremo la nostra posizione anche all’assemblea dei lavoratori Frontalieri che il CSIR convocherà a breve termine, sperando che venga accolta con favore.  [c.s.]

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy