Coronavirus a San Marino. Dal 25 febbraio ad oggi: contagiati, quarantene, decessi

 

L’epidemia  ancora in fase di espansione

Colpisce anzitutto gli anziani, come altrove.

Aggiornamento del 10 marzo ore 13

Quadro dei dati relativi alla evoluzione del coronavirus a San Marino desunti dai Bollettini dell’Istituto per la Sicurezza Sociale a fianco indicati, cui si rimanda per una più approfondita ed esatta informazione su quanto sta accadendo (Clausola di responsabilità. Non si può garantire che i dati riportati siano copia fedele di quelli ufficiali. Solo i dati presenti sul sito ufficiale della Segreteria di Stato alla Sanità della Repubblica di San Marino sono autentici e sicuri.Il sito www.libertas.sm  non assume alcuna responsabilità in merito agli eventuali problemi che possano insorgere per effetto della utilizzazione dei dati qui riportati)

ANNOTAZIONI  tratte dal  Comunicato Stampa  odierno (n.26,  Gruppo coordinamento emergenze sanitarie):
1) n. 60 i casi positivi, di cui 34 ricoverati all’Ospedale di San Marino (6 in Rianimazione con sintomatologia severa – 1 femmina e 5 maschi -, 28 nella degenza predisposta nell’ala al secondo piano con sintomi moderati – 20 maschi e 8 femmine -) e 26 sul territorio, di cui 10 al Centro Colore del Grano e n. 16 a domicilio (12 maschi e 14 femmine);
2) n. 176 quarantene domiciliari sui contatti stretti compresa la rete familiare, amicale e personale sanitario (140 laici, 33 sanitari, 3 Forze dell’Ordine).

INFORMAZIONI, NUMERI UTILI E SUGGERIMENTI
Chi riscontra sintomi influenzali o problemi respiratori con o senza febbre non deve recarsi in pronto soccorso o ai centri sanitari, ma contattare direttamente il proprio medico di condotta oppure la Guardia medica al numero 331 6424748 che valuterà caso per caso ogni singola situazione. Eventuali segnalazioni vanno comunicate al numero 0549 888888. È attivo anche il numero 0549 994001, cui rivolgersi  per informazioni di tipo sanitario.  

Leggi anche le disposizioni emanate l’8 marzo a San Marino prima di mezzanotte con un decreto legge di raccordo  con le  norme entrate  in vigore lo stesso giorno (alle prime ore)  in Italia ed aggiornate a Roma ulteriormente ieri sera, riguardanti  tutto il territorio nazionale italiano. 

PRECAUZIONI
ALLEGATO 1 (al Decreto – Legge 8 marzo 2020 n.44)
Misure igienico-sanitarie:
a) lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;
b) evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute e comunque evitare abbracci, strette di mano e contatti fisici diretti con ogni persona;
c) igiene respiratoria (starnutire o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie); d) mantenere in ogni contatto sociale una distanza interpersonale di almeno un metro;
e) evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, anche durante l’attività sportiva;
f) non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
g) coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
h) non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
i) pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
l) usare la mascherina solo se si sospetta di essere malato o si assiste persone malate
.

 Da L’Informazione di San Marino la mattina del 6 marzo si è appreso del montaggio di una tenda vicina all’ospedale di Stato da parte della protezione civile italiana

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy