Corriere Romagna San Marino, Patrizia Cupo. Neve a un metro e mezzo: ‘A San Marino è il delirio’

Patrizia Cupo di Corriere Romagna San Marino: TITANO NELLA MORSA DEL FREDDO / A San Marino è il delirio neve ormai a un metro e mezzo / Polemiche per i disagi. Cede la stalla, salvati mucca e vitellino

SAN MARINO. Il governo prende in mano l’emergenza neve e costituisce una task force contro l’isolamento: pericolo crolli al canile dell’Apas e la festa di Sant’Agata, patrona di San Marino, viene “rivista”. L’ospedale prepara il piano d’emergenza per il fine settimana e i medici dormono al Day hospital per farsi trovare preparati alla reperibilità. L’organizzazione dei lavoratori autonomi se la prende con lo Stato se molte strade non sono ancora state liberate («disorganizzazione totale»), e laddove i mezzi pubblici non riescono a passare, la segreteria di Stato al territorio si affida alle ditte private: saranno loro ad aiutare i residenti murati in casa dalla cortina di ghiaccio. Intanto, sul fronte della cronaca, auto lanciata in corsa sulla neve si schianta contro una pattuglia della gendarmeria: tre giovani militari finiscono all’ospedale; una mucca viene salvata dal crollo di una stalla. A San Marino, è il delirio: scuole chiuse anche oggi, la neve raggiunge lo storico livello di oltre un metro e mezzo in Città e le temperature si fanno glaciali. L’ultima riunione della task force governativa contro l’emergenza neve è di ieri pomeriggio: presente anche la direzione dell’ospedale che ha messo a disposizione un’autoambulanza in più che, a prescindere dal servizio del 118, garantirà l’assistenza agli anziani rimasti soli e isolati nelle zone più “difficili ” del Monte, compreso il centro storico. Con loro, anche gli agenti della polizia civile che daranno una mano: dalle scale da spalare alla spesa da consegnare. Proprio raggiungere i supermercati sta diventando per molte famiglie un’impresa impossibile, tant’è che alcuni punti vendita offrono il servizio di spesa a domicilio. Ma la solidarietà avanza: e sul web, qualcuno si organizza autonomamente in gruppi di amici per andare a spalare la neve di fronte casa degli anziani braccati dal muro di gelo. Intanto, mentre l’Apas chiede aiuto per liberare dalla neve le tettoie del rifugio di Faetano, una strage è stata evitata ieri grazie all’intervento della polizia civile in una stalla a Domagnano. Messi in salvo una mucca e il suo vitellino sui quali era già crollato il tetto. “Rivista ” la festa di Sant’Agata, consueto appuntamento del 5 febbraio in centro storico: rimangono la messa delle 11.30 nella cripta e la cerimonia delle 15 in Basilica coi Capitani reggenti. Annullati il corteo militare sul Pianello e la serata di gala. Intanto, mentre l’emergenza non è per nulla placata e la neve continua a cadere copiosamente, non si frenano le polemiche. Tra tutti, ieri, l’Osla: «Perché i mezzi di pulizia delle strade non hanno operato il primo febbraio per liberare dalla neve le strade secondarie? Quali sono le motivazioni che hanno indotto il governo a disporre la chiusura degli uffici pubblici? A quanto ammontano i danni e i costi diretti e indiretti per i disservizi?», chiede. Proprio a proposito di danni, diverse le auto danneggiate dal servizio spartineve e dalle pale che, ripulendo le strade, hanno urtato e ammaccato alcune vetture posteggiate e delle quali probabilmente non si sono accorte perché già coperte dalla neve: molti proprietari si sono già rivolti alla gendarmeria per sporgere denuncia. Nota dolente: a complicare le operazioni di assistenza e pulizia, un incidente giovedì notte a Murata; in via del Serrone, una pattuglia della gendarmeria stava scendendo da Città quando è stata investita da un’auto che saliva a forte velocità, pattinando sul ghiaccio. Dentro, quattro giovanissimi. Feriti, seppure in maniera lieve, tre gendarmi e due passeggeri dell’auto. Al conducente della “saetta” è stata ritirata la patente. Per tutti, dai quattro ai sei giorni di prognosi.  

Vai a San Marino, neve: aggiornamenti e immagini della situazione

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy