Disposizioni in materia di associazionismo e volontariato. Le riflessioni dell’Associazione Guide Esploratori Cattolici Sammarinesi

COMUNICATO STAMPA

Associazione Guide Esploratori Cattolici Sammarinesi

Oggetto: Comunicazione relativa alla recente approvazione del provvedimento

normativo “Disposizioni in materia di associazionismo e volontariato” da parte del

Consiglio Grande e Generale.

L’Associazione Guide Esploratori Cattolici Sammarinesi (A.G.E.C.S.), quale associazione

giovanile ed educativa attiva nel tessuto sociale sammarinese dal 1° dicembre 1993,

nell’apprendere la notizia dell’approvazione del provvedimento normativo “Disposizioni in

materia di associazionismo e volontariato” da parte del Consiglio Grande e Generale,

desidera esprimere talune considerazioni di seguito esposte.

 

In primo luogo, l’A.G.E.C.S. valuta positivamente l’adozione di una nuova normativa

specifica per il settore dell’associazionismo e del volontariato sammarinese, in quanto ne

condivide l’esigenza già sorta da diversi anni, tuttavia, ritiene che il tempo messo a

disposizione delle singole Associazione per poter esaminare il testo “finale” (emendato) e

produrre eventuali osservazioni sia stato davvero esiguo (si parla di 3-4 giorni, comprensivo

tra l’altro di un week-end, prima dell’approvazione definitiva), con la conseguenza di un

risultato non completamente partecipato e condiviso dai veri “protagonisti”.

Inoltre, in merito all’articolato del provvedimento in esame, si evidenziano alcuni aspetti

“critici” che, pur comprendendo la necessità di trasparenza, potrebbero gravare sulla

concreta e quotidiana operatività delle realtà associative, a discapito senz’altro di quelle

più piccole.

 

Fra queste, segnaliamo:

• l’articolo 6, nel prevedere i requisiti all’interno degli atti costitutivi e nello statuto,

non considera che molte Associazioni, già legalmente e giuridicamente

riconosciute, dovranno molto probabilmente apportare alcune modifiche

statutarie al fine di potersi iscriversi al Registro delle Associazioni non profit, dovendo

sostenere ulteriori costi amministrativi e legali;

• connesso al precedente punto, nel testo approvato non si prevede una “norma

transitoria” volta al riconoscimento (se non automatico, almeno facilitato) delle

Associazioni che risultano già iscritte al Registro presso il Tribunale. Anche in questo

caso, pare quantomeno contraddittorio che il “passaggio” non avvenga in

maniera consequenziale all’entrata in vigore della nuova normativa

(eventualmente, con un controllo a posteriori da parte della Consulta);

• con l’articolo 12, viene resa obbligatoria l’iscrizione alla nuova Consulta delle

Associazioni anche per il solo riconoscimento giuridico; tra l’altro, risulta che le

Associazioni “annualmente dovranno indicare il programma di attività dell’anno in

corso, presentare una relazione sull’attività svolta nell’anno precedente, nonché gli

atti dimostrativi dell’avvenuta realizzazione delle iniziative, ed allegare il bilancio

consuntivo dell’anno precedente.” Tale richiesta, sempre a parere dello scrivente,

sembra davvero esagerata, rischiando, ancora una volta, di appesantire il “lavoro”

delle Associazioni stesse;

• che non risulta chiaro, in considerazione della distinzione fra le due tipologie

associative previste dall’articolo 3, se è consentito anche alle associazioni sociali e

culturali partecipare ad attività di volontariato e solidaristiche di cui all’articolo 15;

• da ultimo, l’articolo 25 individua (al pari di quanto già previsto per le Fondazioni) gli

obblighi in capo alle Associazioni, per il controllo da parte del Comitato preposto e

all’eventuale autorizzazione per alcune operazioni che, comprendendo la

necessità di trasparenza finanziaria, risulta essere un po’ restrittiva.

 

L’A.G.E.C.S., infine, si auspica che nelle procedure tendenti ad applicare la nuova

normativa venga utilizzato il principio del “buon senso”, mediante la ricerca della più

ampia condivisione di tutte le realtà associative presenti a San Marino e il sostegno, a più

livelli, da parte delle Istituzioni e dell’Amministrazione, affinché i principi alla base del

provvedimento, ossia lo sviluppo e la promozione del Terzo Settore, non restino

esclusivamente sulla carta. Così, per quanto possibile, l’A.G.E.C.S. desidera offrire il proprio

fattivo contributo alla Consulta delle Associazioni non profit e agli altri organismi

istituzionali ed amministrativi coinvolti, nell’intento di fornire soluzioni volte a migliorare la

vita stessa di chi si spende ogni giorno a favore del suo prossimo, con l’obiettivo concreto

di “lasciare questo mondo un po’ migliore di come l’ha trovato” (Robert Baden-Powell,

Fondatore dello scautismo).

 

Fabrizio Marcucci, Responsabile Scout

unitamente al Comitato Centrale dell’Associazione

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy