Domenico Gasperoni, separazione fra feste religiose e civili

Riti religiosi e riti civili: non è l’ora di una separazione consensuale?

Come ogni anno, questa mattina ho preso parte al rito ufficiale della festa del Corpus Domini. La partecipazione delle Autorità e dell’apparato istituzionale sammarinese mi ha – come mi succede da diverso tempo – suggerito un grande interrogativo. Ora ve lo propongo, senza intenzioni provocatorie, ma con piena convinzione.
Non è forse l’ora di chiederci che senso ha, oggi, la commistione fra i riti religiosi ( o meglio di fede) e le parate istituzionali? Questa ritualità tipica della società medioevale ( in senso puramente storico) a quali valori attuali risponde? A nessuno. Anzi, dal mio punto di vista, è di ostacolo e di danno a due fondamentali esigenze, oggi sentite: la libera “celebrazione” di una fede religiosa e la legittima laicità dello Stato. Io personalmente, che sono credente e praticante, mi sento a disagio e contrariato, ad es., quando partecipo alla cerimonia in chiesa del I aprile e del I ottobre. Vi prendo parte come un cittadino, che è sensibile alla vita istituzionale del suo paese, ma non riesco a coinvolgere, in un simile contesto, la mia esperienza personale di fede. Che deve avere altri ambiti, altra motivazione, altra convocazione. Sarei tentato di dire che si sottopone ( fatta salva la buona fede di tutti) la fede ad una certa “profanazione scenica”. Come ad es. il tradizionale rito pseudo religioso, (mi vien da dire, di sapore comico- sacrilego), di recarsi in Basilica per ottenere “lumi” dall’Alto, per una scelta dei candidati Capitani Reggenti, che è stata già decisa (legittimamente) nelle stanze dei bottoni.
D’altra parte, convinciamoci che la vita istituzionale non diventa sana e positiva con una benedizione religiosa, ma solo con i comportamenti etici e democratici delle persone. E si convincano pure le autorità religiose: una messa o un rito di propiziazione celebrati in una scenografia ufficiale, fra squilli di tromba e spari a salve, non rendono un popolo più credente.
Vogliamo iniziare un sereno dibattito su questo annoso problema, che nemmeno i partiti storicamente poco avvezzi ai riti religiosi, hanno avuto il coraggio di affrontare?.
Di fronte ad una simile proposta, spero che nessuno si scandalizzerà. Spero che i custodi delle istituzioni non grideranno al lupo! al lupo! del modernismo. Che i tradizionalisti della religione non grideranno a lupo! al lupo! del laicismo.
E se ci fosse ancora in circolazione qualche laicista di credo giacobino, spero che non ne faccia una bandiera dell’anticlericalismo. Perché siamo noi cristiani i primi a chiedere una separazione.
Credo sia meglio un sano divorzio di un pessimo matrimonio. Per il rispetto della fede. Per il rispetto della laicità.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy