Erba Vita sta lasciando San Marino

Eccellente azienda storica sammarinese pronta a lasciare il confine nella più totale indifferenza della classe politica e delle istituzioni.
OSLA Organizzazione Sammarinese degli Imprenditori, aveva già sollevato le ripetute mancanze da parte delle istituzioni a garantire uno scenario adeguato di operatività alle aziende del settore dell’integrazione alimentare e dei prodotti dietetici e ora, dopo che le istituzioni hanno ricevuto da tempo la lista delle cose da fare per garantire uno scenario al settore salutistico nei confronti degli interscambi con l’Italia e l’UE, siamo a sollevare, nella più totale indifferenza operativa e dispositiva delle istituzioni e della classe politica, l’estrema conseguenza a salvaguardia dell’organizzazione aziendale ERBAVITA di spostare i propri stabilimenti in Italia.

Erba Vita ha già costituito in Italia la ERBA VITA ITALIA SPA, che sarà operativa entro il 15 giugno. Ma è solo l’inizio di un trasferimento che andrà fatto in 2/3 tappe visto le complicanze nel trasferire i laboratori di produzione in tempi stretti.

Solo risposte concrete e accordi firmati e non parole nell’immediato, potranno fare cambiare idea alla proprietà evitando il trasferimento dei laboratori e con essi i suoi dipendenti (oltre 100 nella sede di Chiesanuova).

Dal 1 luglio 2010, di fronte alla necessità di notificare all’AGENZIA DELLE ENTRATE la fatturazione con le aziende sammarinesi, inserite in una procedura di segnalazione diversa, la risposta dei clienti dell’azienda è quella di non trattare con operatori sammarinesi, perché li espone preventivamente alla verifica fiscale di quanto scambiato con San Marino, creando di fatto una percezione di diffida psicologica e di embargo di fatto nei confronti delle aziende sane sammarinesi.

ERBAVITA si è da sempre attivata per fornire alle istituzioni indicazioni precise, elaborate e corrette nell’affrontare la progettazione di uno scenario di riferimento allineato agli apparati e alle regole italiane e dell’UE, a garanzia di tutto il settore salutistico sammarinese, ma senza trovare l’attivazione operativa e risolutiva delle autorità competenti sammarinesi.

Tutte le indicazioni sul da farsi sono già da tempo state formalizzate alle istituzioni dall’OSLA e dall’azienda direttamente attraverso la RELAZIONE RIASSUNTIVA SETTORE SALUTISTICO, che individua quanto doveva e deve essere attuato per regolarizzare la produzione, la commercializzazione e gli scambi degli integratori alimentari e prodotti dietetici sammarinesi.

OSLA esprime quindi rammarico e rassegnazione di fronte all’inerme azione dispositiva della classe politica nel risolvere con competenza i problemi dei vari settori economici, troppo legata a logiche di compromesso e di conservatorismo economico non più sostenibile e comunque in perenne ritardo.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy