Felici (Cdls), sulla mancata firma dell’Anis

Giorgio Felici, federazione industria della Confederazione Democratica dei Lavoratori Sammarinesi (Cdls), è intervenuto nei giorni scorsi con un articolo su La Voce di Romagna – San Marino, in merito alla mancata firma, al tavolo tripartito dell’Anis, Associazione Nazionale Industriali Sammarinesi.


A San Marino non si parla di ripresa,
nemmeno di ripresina. ‘E’ uno stillicidio. Se non ci saranno iniziative politiche adeguate – annuncia – avremo un autunno molto problematico. I nostri governanti continuano ad andare a Roma, ma noi non abbiamo idea di che cosa stiano trattando. Ci dicono che c’è un testo quasi pronto sulle doppie imposizioni, ma non viene reso noto. Di mese in mese si annunciano le firme degli accordi in sospeso con l’Italia, ma di concreto non segue nulla. L’accordo firmato dal
ministro Frattini lo scorso 31 marzo è una scatola vuota, se non si firma quella valutario’.

Leggi l’articolo di Giorgio Felici

In effetti a Roma si sta trattando l’accordo di collaborazione finanziaria e le
modifiche all’accordo contro le doppie imposizioni secondo il più recente standard Ocse, che permetteranno l’entrata in vigore anche dell’ accordo di cooperazione economica firmato il 31 marzo (come da dichiarazione congiunta).

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy