Fondo per l’Eccellenza Sammarinese: la terza edizione si tinge di rosa. Ente Cassa Faetano

COMUNICATO STAMPA
FONDO PER L’ECCELLENZA SAMMARINESE:
LA TERZA EDIZIONE SI TINGE DI ROSA
Sono Letizia Cardelli e Maria Chiara Benvenuti le beneficiarie del contributo offerto dall’Ente Cassa di Faetano per studiare in prestigiose istituzioni accademiche all’estero.
San Marino, 11 marzo 2015
Sono stati individuati i giovani che beneficeranno del sostegno del Fondo per l’Eccellenza Sammarinese, il contributo messo a disposizione dall’Ente Cassa di Faetano – Fondazione Banca di San Marino per sostenere giovani sammarinesi meritevoli in percorsi di alta formazione all’estero, in prestigiose istituzioni accademiche. Per questo progetto l’Ente ha messo in campo – in questo primo triennio – un totale di 180.000 euro, un investimento importante che fa parte dei progetti prioritari di questo triennio di attività: l’Ente ha sempre guardato con attenzione ai giovani, tentando di contribuire in vari modi alla loro crescita ed alla loro valorizzazione e ritiene cruciale – ora più che mai – che essi mettano a frutto il proprio talento, la propria voglia di costruire e di impegnarsi per un miglioramento personale e la costruzione di una San Marino migliore. Questa terza edizione del bando ha registrato 10 candidature, in linea con gli anni precedenti, tutte di alto livello e relative agli ambiti più diversi – dall’economia alla medicina, dalle scienze diplomatiche a danza e teatro – fatto che deve riempire di soddisfazione ed orgoglio, anzitutto perché sfata l’opinione diffusa secondo cui i giovani sammarinesi sarebbero poco disponibili a “spostarsi” e poco intenzionati a mettersi in gioco. Tra le candidature ricevute otto erano riferite all’ambito accademico e due a quello artistico. L’elevata caratura delle domande ha comportato un impegnativo lavoro di valutazione ed analisi da parte della Commissione che al termine della sessione ha selezionato due giovani sammarinesi: Letizia Cardelli e Maria Chiara Benvenuti.
Letizia Cardelli
Classe 1989, laureata con 110 e lode in Psicologia della Salute Clinica e di Comunità presso l’Università La Sapienza di Roma, con la tesi “un modello di monitoraggio dell’alleanza terapeutica in Terapia Congiunta: il SOFTA (System for observing family therapy alliances)”.
Grazie agli alti risultati accademici conseguiti Letizia ha avuto accesso al Percorso di Eccellenza, che consiste in 60 ore di partecipazione a convegni nazionali ed internazionali e in 80 ore di attività pratica.
Grazie al Fondo per l’Eccellenza Sammarinese Letizia svolgerà un Master in Terapia di coppia e familiare presso il King’s College di Londra, della durata di un anno accademico. Il King’s College è classificato 16° nel QS World University Ranking, 5° nel Regno Unito ed 8° in Europa. Scopo del corso è l’approfondimento teorico e l’applicazione della Teoria Sistemica: questo particolare metodo prevede che la terapia si svolga con entrambi i membri della coppia e/o con l’intera famiglia, comprendendo i figli, o più raramente nonni e zii.
Gli studenti vengono quindi preparati all’integrazione tra diversi approcci, così da disporre di un solido background teorico, che abiliti a modulare la pratica clinica in base ai diversi pazienti e contesti.
Maria Chiara Benvenuti
Classe 1989, Laureata con 110 e lode in Medicina e Chirurgia presso L’università di Pavia, con una Tesi su “Quantificazione dell’imbibizione polmonare mediante ecografia nell’amilodosi: implicazioni cliniche e fisiopatologiche”.
Maria Chiara ha già svolto un tirocinio presso l’ospedale di Khulna in Bangladesh con malati di Lebbra, Tubercolosi e Hiv e conseguito l’abilitazione all’esercizio della professione con il massimo dei voti (270/270).
Grazie al Fondo per l’Eccellenza Sammarinese Maria Chiara svolgerà uno Stage di 4 mesi presso il Centro Ospedaliero Universitario Saint Pierre di Bruxelles, riconosciuto un riferimento internazionale nell’ambito delle cura di malattie infettive, in particolare per AIDS e Tubercolosi. Qui lavora il Professor Nathan Clumeck, uno dei massimi esperti mondiali nella cura dell’HIV.
Lo stage si svolgerà presso gli ambulatori del Reparto di Malattie Infettive: Ambulatorio del Centro di Riferimento per la cura dell’AIDS, Centro ambulatoriale del Travel Medicine, quello di Testing anonimo per l’HIV e quello per le Infezioni sessualmente trasmissibili.
 
Inoltre la commissione ha voluto proseguire nel sostegno dei beneficiari delle edizioni precedenti ancora impegnati nel percorso intrapreso grazie al Fondo.
“Siamo davvero contenti di questa nuova edizione – ha dichiarato il Presidente dell’Ente Maurizio Zanotti – che ancora una volta ci ha permesso di incontrare tanti giovani appassionati e determinati e di sostenere percorsi di vario tipo, andando a toccare discipline nuove rispetto a quello sostenute nel 2014.
Riteniamo il Fondo una bella opportunità per i nostri giovani che sono il futuro del nostro paese, e al contempo siamo contenti di notare che – da quando lo abbiamo istituito – sembra esserci una maggiore attenzione su questo tema, e vediamo anche la nascita di altre iniziative che sostengono e premiano percorsi di studio virtuosi. Noi stiamo dando il nostro contributo, ci auguriamo che anche altri attori della realtà economica sammarinese si attivino in questo senso. La valorizzazione dei giovani è una sfida che riguarda tutti”.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy