Foschi risponde al Commissario Ceccarini in merito alla legge sul giusto processo

Ivan Foschi, Segretario di Stato alla Giustiziarisponde alle dichiarazioni ascoltate in aula mercoledì,

durante il processo Biagioli,
quando il Commissario della Legge Vittorio Ceccarini ha rilevato le difficoltà che la nuova legge sul cosiddetto giusto processo sta apportando al tribunale e soprattutto alla cancelleria
‘ (Corriere Romagna-San Marino).

Dice Foschi: ‘I giudici non sono chiamati a commentare le leggi ma ad applicarle. E da quando è entrato in vigore il

giusto processo

non siamo rimasti con le mani in mano; abbiamo avviato una serie di provvedimenti necessari per supportare i maggiori oneri richiesti alla cancelleria, in termini di riorganizzazione e di risorse umane‘.

Foschi conclude sostenendo che i ritardi nella celebrazione dei processi prescindono ‘dalla applicazione della legge stessa‘.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy