Giovanni Giardi parte da Berardi-Ottaviani per stigmatizzare il degrado politico

Giovanni Giardi parte dalla vicenda Berardi-Ottaviani che ha

impedito all’ultimo momento la formazione del
governo sorretto da Partito dei Socialisti e dei Democratici, Sinistra Unita, Democratici di Centro e Sammarinesi per la Libertà, per allargare il discorso e il giudizio sull’intera classe politica della Repubblica di San Marino.

Scrive Giardi su La Tribuna Sammarinese: ‘resto sempre convinto che l’episodio stesso metta in evidenza un male che ha radici lontane; un male della nostra democrazia di cui i mercanti di voti, i transfughi a comando, soprattutto la mediocrità dei personaggi che decidono i destini del paese, sono solo la tappa involutiva di un degrado a cui il Paese, la società civile, non ha saputo opporsi‘.

Giardi chiede che i ‘ cittadini che hanno a cuore i destini del Paese e dei loro figli decidano di fare fronte comune contro questo stato di cose, che la società civile si riappropri delle sue prerogative sovrane … escluda i mestieranti della politica al servizio degli affaristi e degli speculatori che stanno rovinando il Paese, di qualunque partito siano.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy