Gnassi e Lisi fanno visita al carcere di Rimini

Il Sindaco di Rimini Andrea Gnassi e il Vicesindaco Gloria Lisi si sono recati ieri mattina nella Casa circondariale di Rimini di via Santa Cristina, dove hanno incontrato la direttrice Dott. Maria Benassi, il Comandante della Polizia penitenziaria Fernando Piccini e il responsabile dell’area educativa Dott. Vincenzo Di Pardo.

Oltre che motivo di conoscenza tra la direzione della Casa circondariale e la nuova Amministrazione comunale, l’incontro è stato anche l’occasione per un confronto sulle problematiche della Casa circondariale nella prospettiva di future iniziative comuni di collaborazione.

La Casa circondariale di Rimini a tutt’oggi ospita 210 detenuti (77 definitivi; 27 Ricorrenti; 39 Appellanti; 67 Imputati) di cui 129 ( pari al 61%) stranieri provenienti principalmente dalla Tunisia (35), Marocco (33), Romania (14), Albania (8).

Se per ruolo la Casa circondariale non ospita un numero elevatissimo di detenuti, per numero di ingressi è il terzo istituto penitenziario in Emilia Romagna dopo Bologna e Modena, caratterizzato da un turn over altissimo.

Nel 2010 nella Casa Circondariale di Rimini sono stati registrati 865 ingressi e 825 scarcerazioni per un totale di 1.690 movimenti. 87 sono i detenuti tossicodipendenti (un dato che oscilla tra il 40% – 50% dei presenti), mente un terzo è residente nel circondario Rimini.

Fiore all’occhiello della Casa circondariale è la sezione “Andromeda”, una sezione penitenziaria di “custodia attenuata”, punto finale dei detenuti vittima di dipendenza da droghe o alcol, che seguono un percorso rieducativo per permettere un miglior riinserimento sociale possibile. La sezione Andromeda si caratterizza sia strutturalmente (l’edificio si trova fuori dalla cinta muraria della Casa circondariale) che come genere di attività svolte dai detenuti e dagli operatori sociali impegnati nel progetto, in cui si richiede disponibilità e motivazione al cambiamento attraverso un programma di recupero da portare a termine in contesti riabilitativi esterni al carcere.

La visita si è estesa a tutte le sezioni, dove il Sindaco Gnassi ha incontrato personalmente tanti dei detenuti ospitati nelle celle, sia ordinarie della Casa circondariale, ma anche della sezione “Cassiopea”, della sezione “Andromeda”, della sezione “Vega”, una delle poche in Italia che ospita i detenuti transessuali.

Visitata anche la struttura sanitaria e l’infermeria, che, con le ultime riforme penitenziarie, rientrano nei compiti dell’Ausl.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy