Il coronavirus paralizza San Marino

Virus, Titano paralizzato dopo il primo decesso

Era residente a Domagnano Giuseppe Bacciocchi, 88 anni, pensionato dopo aver lavorato per la Motorizzazione di San Marino, la prima persona deceduta trovata positiva al nuovo coronavirus. Ma non va dimenticato che l’uomo soffriva già di gravi patologie. Era stato portato nell’ospedale di San Marino lunedì 25 febbraio e i medici avevano subito sospettato anche la presenza del Covid-19, quindi eseguito il tampone e inviato il paziente all’ospedale di Rimini dove è deceduto domenica. Le esequie si terranno giovedì, non in chiesa come vogliono le disposizioni per contrastare il coronavirus ma nel camposanto di Domagnano. Intanto a San Marino commercianti, ristoratori e albergatori non se la passano bene. Niente traffico sulla Superstrada che da Rimini porta sul Titano, e anche le strade della Repubblica non sono strapiene di gente. Anzi. (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy