Ilustrato il programma 2008 alla Commissione Consiliare Finanze

COMUNICATO

PRESENTATO IN COMMISSIONE FINANZE IL PROGRAMMA ECONOMICO 2008

Il Segretario di Stato per le Finanze, Stefano Macina, ha illustrato stamani alla Commissione Consiliare Permanente Finanze, riunita a Palazzo Pubblico, il Programma Economico 2008.
Tale programma, ha spiegato il Segretario di Stato, “è la proiezione del Programma di Governo per la XXVI Legislatura, col quale la maggioranza si è presa la responsabilità di fronte al Paese di realizzare le riforme indispensabili ad aprire nuove prospettive di sviluppo in un contesto di rinnovamento e di modernizzazione”.
L’Esecutivo, ha ricordato Macina, in questo breve periodo di inizio legislatura ha già realizzato alcuni qualificanti obiettivi, in coerenza col progetto di riformare il Paese, di fare sistema, di riposizionarsi nel contesto internazionale, di affrontare le nuove grandi sfide poste dal processo di globalizzazione in corso. Tra questi, lo sviluppo della normativa nel settore finanziario, che offre nuove interessanti opportunità; il varo del primo modulo della riforma tributaria rafforzato dal provvedimento sugli utili reinvestiti; la riforma della legge elettorale, che determina grandi cambiamenti nella politica sammarinese in termini di potere degli elettori, di stabilità e di alternanza democratica.
Dal Programma Economico 2008 emerge – come ha sottolineato il titolare delle Finanze – il valore strategico che il Governo attribuisce alla politica estera per definire un accordo di cooperazione economica con l’Italia, per procedere con decisione verso l’associazione all’Unione Europea, per aprire rapporti economici e commerciali con altri Stati. Non meno importanti sono gli obiettivi di politica interna volti a realizzare: la programmazione di bilancio; la riforma della Pubblica Amministrazione; un sistema economico efficiente, integrato, competitivo e diversificato nell’ambito di uno sviluppo sostenibile e di una buona occupazione di tutti i sammarinesi; un piano energetico impostato sul risparmio e sulle fonti rinnovabili; il rilancio concreto del commercio e del turismo; il completamento della riforma previdenziale; una politica sanitaria e socio-sanitaria che mantenga un sistema solidale ed efficace, puntando a livelli di eccellenza; politiche sociali attente alle esigenze e alle risorse dei disabili, dei giovani, degli anziani, della famiglia e del volontariato, rivolte alle pari opportunità.
Altri settori sui quali si concentra l’impegno del Governo per il 2008 sono: le politiche culturali e della formazione; quelle per la casa e la legislazione del lavoro, le politiche ambientali e del territorio.
Ogni intervento, ha affermato Macina, deve rientrare in un disegno programmatico generale, sempre sottoposto a confronto e verifica. Su questa base, ha concluso, il Governo intende procedere “rispettando i livelli di concertazione, ma assumendosi la piena e totale responsabilità di guidare il Paese verso una finanza statale solida, verso la sicurezza dei cittadini, verso nuovi e più alti livelli di democrazia e di libertà, pronto a prendere in considerazione ogni contributo positivo che mira al bene comune”.
In apertura di seduta, il Segretario di Stato Macina ha concordato con la Commissione Consiliare un ulteriore approfondimento dei contenuti del documento presentato, da farsi in occasione della prima riunione della Commissione in settembre.
L’UFFICIO STAMPA DEL CONGRESSO DI STATO

San Marino, 20 luglio 2007

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy