Interpellanza Rtv eurofestival. Ivan Foschi, Su

 Da alcune notizie riportate dalla stampa si apprende che
San Marino RTV è destinata ad avvalersi quanto prima della tecnologia satellitare,
ma anche che continuerà a trasmettere in digitale e che sarà ancora presente
sul web.

A questo scopo sono necessarie una ristrutturazione ed
una riorganizzazione aziendale che devono necessariamente poggiarsi su un nuovo
piano industriale ed editoriale. Tali sforzi richiedono immancabilmente nuove e
non indifferenti risorse finanziarie.

Per un’azienda che impiega circa 70 lavoratori, che
costituisce la prima agenzia informativa della Repubblica e che si avvale,
oltre che del contributo economico italiano, di un cospicuo contributo
economico sammarinese, è necessario che l’opinione pubblica possa essere
messa a conoscenza di quali siano questi piani e cosa prevedano nel dettaglio.
La TV di Stato opera in un regime di monopolio i cui atti devono essere
pubblici e trasparenti a garanzia di tutti i cittadini e della pluralità dell’informazione.

 

Apprendiamo altresì dalla stampa che San Marino RTV
parteciperà all’Eurofestival attraverso la rappresentanza di un’artista
italiana la quale non presenta alcun legame con la Repubblica di San Marino. Questo
fatto ha già sollevato numerose perplessità non solo da parte di artisti sammarinesi
che non sono nemmeno stati interpellati o coinvolti ad alcun titolo, 
ma anche da parte di esperti del settore
musicale e persino di membri del CdA di San Marino RTV.

Per questi motivi interpello il Governo per sapere:

­        
se la
partecipazione all’Eurofestival sarà la prima produzione per la piattaforma
satellitare;

­        
quali costi
dovranno essere sostenuti e a fronte di quale ritorno preventivato;

­        
se sono stati
previsti investimenti pubblicitari per la promozione dell’evento e, in caso
affermativo, a quanto ammontano e se questi costi sono coperti a bilancio;

­        
se la piattaforma
Eutelsat deve servire ad un lancio dell’identità e immagine sammarinese, per
quale motivo non si utilizzano eventi di portata internazionale come quello in
oggetto per promuovere artisti sammarinesi i quali hanno già dimostrato in
diverse occasioni il loro talento e la loro preparazione;

­        
per quali motivi, a
questo proposito, non sia stato indetto un concorso interno o un’analoga forma
di selezione per coinvolgere gli artisti sammarinesi interessati a partecipare
all’Eurofestival e con quali modalità si sia giunti all’individuazione della
cantante Senit in rappresentanza della Repubblica.

 

 

San
Marino, 9 febbraio 2011

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy