Interpellanza su rtv

INTERPELLANZA

Le pagine riminesi del Resto del Carlino di lunedì 1° ottobre dedicano un ampio servizio ai dati Auditel relativi alla televisione di Stato di San Marino e Nuova Rete, considerate come unica emittente con bacino d’utenza non solo romagnolo ma anche bolognese. E la situazione è a dir poco inquietante, poiché le due emittenti si trovano in posizione piuttosto arretrata rispetto a molte altre televisioni locali. Ciò vuol dire che se i dati fossero scorporati e si avesse a disposizione il dato puro della San Marino RTV, si avrebbe una ben amara sorpresa. Cioè una audience bassissima.

Ciò a fronte di un capitale sociale sottoscritto in forma paritaria da Eras e Rai (l’Eras è l’ente di gestione per la radiodiffusione sammarinese). In forza di questo accordo, la Rai ha versato finora 3 milioni di euro all’anno alla RTV, ma l’accordo è scaduto il giugno scorso. Ad oggi, stando alla fonte giornalistica, la RTV ha 42 dipendenti e una folla non quantificata di collaboratori (sembra che il totale complessivo superi abbondantemente il centinaio di operatori); ha, sulla carta, un notevole potenziale economico tecnologie all’avanguardia, possibilità di coprire ampie aree di spettacolo, dell’informazione e dello sport. Ma i risultati, guardati nell’ottica dei numeri Auditel, sono a dir poco fallimentari.

Alla luce di questa situazione interpello il governo per conoscere:
1) a quale punto siano le trattative per il rinnovo dell’accordo con la RAI, visto che vengono fornite solo rassicurazioni a parole, ma non si è visto finora nessun atto concreto;

2) se corrisponda al vero la notizia per cui RTV sarà costretta a traslocare dall’attuale sede del Kursaal, quale sarà la sua nuova sede, chi pagherà i costi;

3) quale futuro sarà riservato alla nostra emittente di Stato dopo la fallimentare gestione dell’attuale dirigenza; e quale futuro si prospetta per dipendenti e collaboratori.

Si chiede risposta scritta.

Romeo Morri (Popolari Sammarinesi)

Glauco Sansovini (Alleanza Nazionale)

San Marino 4 ottobre 2007

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy