‘La questione morale: i Gdc vogliono i fatti’

LA QUESTIONE MORALE: I GDC VOGLIONO I FATTI!
Da tempo si parla di questione morale e di moralizzazione della politica. Ma cosa si intende per moralità?
Forse il concetto di moralità è un concetto talmente ampio che ognuno potrebbe dare una propria interpretazione ma quando si parla di moralità nella politica, almeno a noi Giovani Democratico Cristiani piace pensarla in questo modo, l’interpretazione non può che essere una: la politica diventa morale quando le persone che la fanno possiedono quell’onestà e quell’integrità interiore tale che ogni loro azione, dalla più insignificante a quella più rilevante, sia finalizzata alla realizzazione del bene comune e non al soddisfacimento di interessi veri o presunti di parte.
San Marino non ha avuto negli ultimi anni politici lungimiranti e dotati di questa caratteristica perché il solo fatto che oggi il Paese si trova a parlare di infiltrazioni mafiose nel sistema paese, di abusi edilizi, di tangenti, depauperamento del territorio, di ricchezza fittizia non radicata su di un’economia reale, di una politica votata al clientelismo esasperato con la pretesa di non dover rendere conto a nessuno, a noi Giovani Democratico Cristiani non  solo fa sorgere il sospetto ma suggerisce un alto grado di probabilità sul fatto che la nostra affermazione, vale a dire la mancanza di una moralità nel fare politica, sia vera.
La situazione che stiamo vivendo a causa di coloro che, anni fa, hanno fatto la scelta del perseguimento dei propri interessi personali a discapito di quelli del paese, deve suscitare in ogni onesto cittadino quell’esigenza di giustizia che porti a quel “cambio di  passo” di cui la Repubblica ha estrema necessità.
In un Paese piccolo come il nostro tutti sanno!
Oggi, dunque, è il momento di reagire con i fatti prima ancora che con le parole.
Se ogni generazione ha la sua battaglia allora quella di noi giovani sammarinesi, oggi, è combattere contro coloro che si fanno portatori di quella mentalità e di quell’agire legato a quelle vecchie logiche che per motivi storici, economici, culturali e Morali non possono e non devono appartenerci; riedificare il Paese su fondamenta solide uniti sui valori fondamentali della democrazia, sulla capacità di fare grandi sogni e soprattutto sull’onestà.
Ciascuna forza politica è più o meno contaminata da questi personaggi e da queste logiche e anche se la politica non è cosa sporca, in quanto lo sono piuttosto coloro che la fanno per fini personalistici e di potere, spetta proprio alla politica in primo luogo e ai cittadini contrastare questa tendenza.
La Democrazia Cristiana, che si presenta come il Partito che ha guidato a lungo il Paese e che si propone di farlo anche in futuro, deve trovare il coraggio e la forza, a partire dal proprio interno, di cambiare le sorti di un sistema che altrimenti sarebbe destinato a fallire.
Ricordate! “La sola cosa necessaria affinché il male trionfi è che gli uomini buoni non facciano nulla” (Edmund Burke).
Giovani Democratico Cristiani

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy