L’Assemblea dei Democratici di Centro sull’attuale momento politico

L’Assemblea dei Democratici di Centro, presieduta da Orazio Mazza, ha unanimemente approvato, nella serata di ieri, la relazione del Coordinatore, Giovanni Lonfernini, e la proposta di organizzazione interna avanzata dal Presidente del Gruppo consiliare, Rosa Zafferani.

I numerosi presenti hanno, innanzi tutto, manifestato preoccupazione per le vicende che coinvolgono un Istituto di credito sammarinese e che pongono, ancora una volta, il problema della crescita e del consolidamento di uno dei settori decisivi per lo sviluppo del nostro Paese, qual è appunto quello bancario e finanziario. Generale è stato l’invito affinché la politica non ceda a tentazioni demagogiche di fronte a questi eventi, ma, al contrario, si mobiliti, unitamente agli operatori del settore, per eliminare le zone d’ombra che esistono e che incidono negativamente sul Paese e sui suoi rapporti internazionali. In attesa di conoscere in maniera più precisa i fatti e le circostanze venuti alla luce, l’Assemblea ha espresso l’auspicio che il Governo si adoperi per una concreta e stabile normalizzazione delle relazioni con l’Italia, cercando anche, differentemente dal passato, di far comprendere le difficoltà della trattativa bilaterale, ma soprattutto indicando linee chiare e risolute sulle contropartite da rivendicare. Concorde è stato comunque il giudizio dell’Assemblea sul fatto che le modalità operative adottate nella vicenda delle indagini e degli arresti relativi ad Asset Banca non producono certo benefici per la nostra sovranità, soprattutto perché sono irrispettose della Convezione di amicizia e buon vicinato, alla quale l’Italia stessa è vincolata.

L’Assemblea ha poi svolto una riflessione sui primi passi del nuovo Esecutivo, al quale ha manifestato pieno sostegno, e ha evidenziato la necessità di dare realizzazione, in tempi solleciti, ai punti programmatici più qualificanti e sui quali si registrano le attese maggiori da parte dei sammarinesi. In questo senso i Democratici di Centro intravedono, come inderogabili priorità, l’introduzione dell’azionariato popolare nella società di gestione dei giochi della sorte, l’adozione di interventi legati alla sicurezza e all’ordine pubblico, l’elaborazione di un nuovo provvedimento legislativo su residenze e permessi di soggiorno, la realizzazione degli interventi infrastrutturali più urgenti e necessari e un rinnovato impulso sul fronte delle politiche sociali. Questi aspetti programmatici, per la loro stessa natura, saranno in grado, secondo i Democratici di Centro, di fornire un effettivo segnale di discontinuità rispetto a una politica troppo spesso ripiegata su contingente.

Nell’ottica, poi, della nuova legge elettorale, che ha introdotto meccanismi per spingere le forze politiche a costituirsi in coalizioni, i Democratici di Centro auspicano che si possa accelerare il percorso di costruzione di una coalizione capace di unire e valorizzare culture moderate e riformiste attorno ad un programma comune e condiviso. L’assetto definito dalle attuali forze politiche di maggioranza non presuppone, peraltro, scelte definitive e immodificabili, precluse ad ulteriori contributi all’interno di un perimetro politico più ampio. Per essi, tuttavia, il presupposto imprescindibile dovrà essere quello di un confronto leale, ancorché franco, affiancato da comportamenti coerenti in ogni momento, non contrassegnati quindi da esitazioni sospette – tattiche se non addirittura opportunistiche – o da aspettative verso scenari inverosimili quanto incongruenti rispetto ad una legge elettorale di cui, probabilmente, non sono stati ancora pienamente compresi il significato e gli impegni che richiede.

San Marino, 09.01.08

Democratici di Centro

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy