L’ateneo perde un docente di spessore. La replica dell’Universita’

In merito all’articolo apparso nella giornata di mercoledì 18 febbraio “L’ateneo perde un docente di spessore” pare opportuno introdurre alcune precisazioni.

Il prof. Giacomo Stella si è dimesso dalla carica di Direttore del Dipartimento di Scienze Umane per ragioni personali. In seguito alla sua decisione è stato convocato per il giorno 11 marzo un Consiglio di Dipartimento che avrà all’ordine del giorno, fra le altre cose, la nomina del Direttore. Il Consiglio di Dipartimento è composto da docenti e professionisti, con contratto annuale, provenienti sia da Bologna sia da San Marino: essi sono in possesso di tutte le autorizzazioni necessarie.  

Si coglie l’occasione per ribadire che comunque la legge sammarinese all’articolo 20 comma 2, recita “Al fine di assicurare attività di didattica e ricerca, l’Università, esperiti gli eventuali adempimenti dell’Università di provenienza, può stipulare contratti di collaborazione occasionale”: è quindi SOLO ED ESCLUSIVAMENTE  per i docenti con contratto di collaborazione occasionale e non con contratto annuale che la nostra legge obbliga a fornire le eventuali autorizzazioni delle università di provenienza. A ciò va aggiunto che i Consigli di Dipartimento sono composti, secondo quanto previsto all’art. 17 comma 2, da docenti con contratto annuale, “professori aggiunti”, e sono esclusi i docenti con contratto di collaborazione occasionale. 

In ogni caso i docenti del Dipartimento di Scienze Umane si sono premurati di ottenere le autorizzazioni necessarie, secondo quanto richiesto dalla Legge italiana, anche se, ribadiamo, non obbligati a presentarle all’Ateneo Sammarinese. 

Il prof. Giacomo Stella non viene meno alla sua pluriennale collaborazione ma continuerà a far parte del Consiglio del Dipartimento di Scienze Umane e a svolgere le attività di didattica e di ricerca che hanno costituito e continuano a costituire uno dei punti di grande eccellenza dell’università sammarinese. 

Speriamo che non si voglia ancora tornare su tali argomenti (su cui ha fornito in altra sede una risposta chiara ed esauriente il Segretario Morganti) ed invece qualche volta dedicare attenzione alle iniziative, alle nuove attività dell’Ateneo sammarinese, specie quelle che riguardano i giovani meritevoli, siano laureati o dottori di ricerca o studenti (per diversi dei  quali continuano a registrarsi premi e riconoscimenti), mentre università e studiosi dall’estero ci chiedono collaborazione. Siamo sempre aperti e disponibili ad ogni confronto. Sarebbe un servizio utile per informare tutta la comunità, forse un po’ più importante che coltivare interessi e risentimenti di pochi.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy