Le imprese di Rimini perdono pezzi: «Produzione e incassi giù»

La testimonianza di Bargellini (Top Automazioni): «Materie prime introvabili. Abbiamo macchinari che non riusciamo a completare e consegnare»

GIUSEPPE CATAPANO – «Materie prime che non arrivano, prezzi che aumentano da un giorno all’altro, macchinari fermi in deposito che non possono essere consegnati perché non ancora pronti. Fare impresa in questo modo è difficilissimo». Bruno Bargellini è l’amministratore unico di Top Automazioni, azienda riminese attiva nel settore meccanico. Una realtà affermata, con un fatturato tra i 20 e i 30 milioni e con una chiara vocazione internazionale: l’estero vale il 40% del giro d’affari. Anche Top Automazioni, come tutte le imprese manifatturiere, sta facendo i conti con la carenza delle materie prime e il con il rialzo dei prezzi. Uno scenario che porta inevitabilmente a una conseguenza: «La produzione subisce dei rallentamenti. (…)

Articolo tratto dal Resto del Carlino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy