“Mai ridere delle disgrazie altrui…” di Luca Zavoli

Se in casa propria la situazione non è delle più rosee, si prova a dare uno sguardo nei cortili adiacenti, sperando di trarre un poco di sadico sollievo dagli impicci altrui. Di carne al fuoco ce n’è tanta. Fini, estromesso dal Pdl, è capace di ‘reclutare’ 33 uomini sotto una formazione ‘Futuro e Libertà’ che toglie il sonno all’attuale Presidente del Consiglio, la cui solidità governativa potrebbe già subire un primo scossone con la votazione sulla mozione di sfiducia al sottosegretario alla giustizia Caliendo. Voto anticipato in autunno, tuona il leader del Carroccio, Umberto Bossi; la maggioranza resisterà, proclamano dai banchi del Pdl e c’è chi parla di un governo tecnico, di transizione interrogandosi sulle possibili posizioni dei Finiani e sul ruolo dell’Udc di Casini.

In questo bailamme noi cittadini biancoazzurri vediamo forse un allentamento delle spire che per mesi hanno attanagliato la nostra antica Repubblica. Una rivoluzione dell’assetto governativo italiano potrebbe giovare ai rapporti (ammesso che ve ne siano ancora) tra Italia e San Marino. Speriamo in interlocutori maggiormente disposti al dialogo e all’apertura, desiderosi di risolvere l’impasse attuale che ci sta lentamente asfissiando.

Ma, nonostante abbia da poco dichiarato al quotidiano Repubblica che l’ipotesi di un governo tecnico non sia un’alternativa credibile, l’attuale ministro dell’economia Tremonti potrebbe essere l’uomo destinato ad essere il Traghettatore: forte dei suoi rapporti con la Lega, dei risultati e dei riconoscimenti ottenuti anche a livello internazionale; capace di governare con una determinazione tale da superare i diffusi malcontenti generati dall’ultima Manovra; estraneo a P3, intercettazioni, scandali e festini a luci rosse; spesso indicato come il vero erede del Pdl dopo Berlusconi. Il numero del ‘Riformista’ in edicola oggi invita a riflettere su questa possibilità, costringendoci a fare i conti con le erbacce del nostro cortile, prima che un voto di sfiducia non le renda inestirpabili.

Zavoli Luca

Per commenti, osservazioni, idee, scrivete a: luca.z@live.it

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy