Mussoni go home. Augusto Michelotti, SU

MUSSONI GO HOME
Nel marasma generale, all’interno della bagarre del tutti contro tutti, mentre il paese sta naufragando e tutti sono in attesa degli eventi prossimi e futuri di un governo che non c’è più, c’è qualcuno che continua imperterrito a fare i propri comodi fregandosene delle regole e delle indicazioni che il mondo politico compatto gli manda attraverso gli organismi istituzionali e anzi che si muove con rumorosa disinvoltura all’interno della confusione più totale. Alludo al sig. Francesco Mussoni, segretario di stato alla sanità che, nonostante un Ordine del Giorno approvato in Commissione IV (Territorio, Previdenza e Sanità) che chiedeva al Congresso di Stato “…di prendere atto della volontà del Comitato Esecutivo di rimettere il proprio mandato e a provvedere – in tempi brevi e nei modi più congrui – alla sua sostituzione nei termini di legge, al fine di garantire la piena operatività dell’ISS” cosa fa?
Va in Congresso di Stato e fa in modo che il Comitato Esecutivo dell’ISS (Caruso, Francini, Manzaroli) venga mantenuto in sella fino alla fine di Dicembre 2016 (quasi sei mesi) con pieni poteri infischiandosene delle indicazioni ricevute che dicevano l’esatto contrario. In realtà cosa si dovrebbe fare in questi casi? Di solito il Comitato Esecutivo uscente rimane in carica in regime di ORDINARIA AMMINISTRAZIONE fino all’espletamento delle pratiche necessarie per la nomina del nuovo Comitato Esecutivo. La distinzione è importante perché durante la gestione in ordinaria amministrazione i dirigenti dimissionari non possono prendere iniziative a danno e discapito di chicchessia e non possono prendere decisioni impegnative e/o straordinarie per l’Istituto dell’ISS senza averne richiesta la preventiva autorizzazione; debbono comunque gestire come farebbe un normale amministratore e non come un dirigente nel pieno delle sue funzioni. Con la decisione presa dal Congresso di Stato su imbeccata del sig. Mussoni, si è compiuto un piccolo colpo di stato in cui si ignora la decisione presa in Commissione Consiliare (che è una emanazione del Consiglio GG) e si gestisce il tutto come se nulla fosse avvenuto. Tutto è partito da una lettera della Consulta Sociale e Sanitaria dell’ISS fortemente critica sull’operato del Comitato Esecutivo per i numerosi disservizi e politiche gestionali completamente sbagliate nella gestione dell’ISS e alla fine ne consigliava l’immediata sostituzione.
Nell’ultima Commissione Consiliare ho chiesto più volte di vedere le lettere di dimissioni firmate dai tre dirigenti; non ho avuto alcuna risposta in questo senso. Mi sorge il dubbio che qualcuno non abbia firmato niente. Se ciò fosse vero, stante le dichiarazioni date in Commissione e in Consiglio GG dal sig. Mussoni, solo questo basterebbe per mandarlo direttamente e immediatamente a casa senza passare dal via.
Mussoni comunque, per coerenza con le manifeste incapacità dimostrate, avrebbe dovuto essere fuori dai giochi da parecchio tempo e fortunatamente ci ha pensato qualcun’altro a staccare la spina a questa maggioranza rissosa e inconcludente perché se avesse dovuto dare le dimissioni da solo non lo avrebbe fatto mai. Il Congresso di Stato se ne andrà a casa anche perché si è prestato (tutti tranne uno) a questo squallido giochetto di potere.
Purtroppo non ci saranno più (credo) convocazioni delle Commissioni Parlamentari perché, per quanto mi riguarda, vista la considerazione e il rispetto per la decisione presa nell’approvazione dell’Ordine del Giorno di cui sopra (9 a favore, 2 astenuti e 1 contrario), penso che alla prima riunione della Commissione IV mi sarei presentato all’appello e sarei subito uscito dall’Aula Consiliare in segno di protesta e avrei ripetuto tale gesto fino a quando il sig. Mussoni non avesse rimesso nelle mani degli Ecc.mi Capitani Reggenti il proprio mandato. E qui mi viene da dire: “A cosa servono le Commissioni Consiliari se tanto decide Mussoni? Fa quello che gli pare e nessuno dice niente. Così non va bene perché le regole valgono per tutti”.
Augusto Michelotti – Sinistra Unita
Rep. San Marino, 02 Agosto 2016

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy