San Marino. Risoluzione del Pd approvata all’unanimità

Il Resto del Carlino: Risoluzione Pd votata all’unanimità«Per i lavoratori situazione precaria»

SAN MARINO. L’Assemblea legislativa dell’Emilia Romagna ha approvato all’unanimità la risoluzione volta a dare maggiori tutele e garanzie ai lavoratori frontalieri nella Repubblica di San Marino. La risoluzione presentata dalla consigliera riminese Nadia Rossi, Pd, impegna in sostanza la Regione a coinvolgere il governo italiano per stabilizzare le condizioni dei lavoratori frontalieri e fare chiarezza anche sul fronte degli ammortizzatori sociali. Si chiede in dettaglio che «finalmente Italia e San Marino – sottolinea Rossi – trovino una linea comune in grado di stabilizzare le condizioni dei lavoratori frontalieri, che rappresentano una risorsa per entrambi gli Stati». Allo stato attuale «per i lavoratori transfrontalieri la situazione è ancora precaria in particolare dal 2011, anno che coincide con la scadenza fissata dalla precedente norma di stabilizzazione». Tale norma, di infatti, collegava l’eventuale proseguimento del riconoscimento di questo diritto alla sottoscrizione dell’accordo in materia economico-fiscale tra Italia e San Marino, oltre che all’uscita di quest’ultima dalla blacklist italiana. «Condizioni – evidenzia Rossi – che sono state tutte raggiunte».

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy