San Marino. Mussoni (Pdcs): “Azione del governo silenziosa e non comprensibile”

Andrea Lattanzi – La Serenissima: IL TITANO ALLO SPECCHIO / Mussoni ha le idee chiare: “Trasparenza e riorganizzazione per un nuovo sviluppo del Paese” / Sistema bancario e sanità gli altri temi affrontati dal consigliere democristiano

SAN MARINO. “I temi centrali per il futuro del Paese e dei suoi cittadini sono l’equilibrio del sistema bancario e la grossa attenzione all’indebitamento estero da evitare, alla definizione di un progetto di sistema per gli Npl. È paradossale che, nel nostro Stato, serva una maggioranza di 40 consiglieri per il trasferimento di una proprietà di un terreno dello Stato da 100 metri quadrati e non si riesca neppure a svolgere un dibattito serio sul prospettato indebitamento estero di enorme portata che pare il governo voglia attuare. Speriamo che la logica e il confronto prevalgono sull’iniziativa silenziosa e non comprensibile del governo”. Questo è il pensiero di Francesco Mussoni sull’idea del governo di avviare il processo di indebitamento estero, attraverso il Fondo monetario internazionale o finanziatori privati, per sistemare la situazione finanziaria di San Marino. Il consigliere del Partito democratico cristiano sammarinese ed ex segretario di Stato alla Sanità nel precedente governo, in questa intervista, ci svela il suo punto di vista sullo sviluppo economico, sul sistema bancario e sulla sanità della Repubblica più antica del mondo. (…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy