San Marino. Manifestazione sul Pianello, l’Anis aderisce

SAN MARINO. Ci sarà anche l’Anis domani a manifestare contro il Govero in Piazza della Libertà.

Comunicato stampa

L’Associazione Nazionale Industria San Marino ha sempre mantenuto un atteggiamento costruttivo nei confronti del Governo, proponendo soluzioni efficaci per tutto il sistema economico e sociale, ma anche criticando scelte che andassero nella direzione opposta. Pur nella diversità dei ruoli, questo dialogo non può che basarsi sul reciproco rispetto e sulla consapevolezza che serva il contributo di tutti, nel momento in cui si discutono temi fondamentali quali il lavoro e lo sviluppo. Purtroppo con questo Governo il dialogo non è stato costruttivo ed è risultato inutile portare idee, progetti e soluzioni alternative: quasi nulla di quanto proposto è stato preso in considerazione, nemmeno di fronte alla dimostrazione che le scelte intraprese dal Governo porteranno a conseguenze estremamente negative.
Venerdì scorso il nostro Consiglio Direttivo, dopo aver ampiamente discusso degli importanti temi legati al progetto di legge sviluppo, al progetto di legge per l’assestamento di bilancio e alla gestione inadeguata della crisi del sistema bancario, ha preso atto che il Governo non intende prendere nella dovuta considerazione le nostre richieste di modifica ed integrazione, volte a far sì che tali provvedimenti siano veramente efficaci per l’economia del Paese. L’azione del Governo sta infatti generando una fortissima preoccupazione tra gli imprenditori, perché mette a rischio la tenuta dell’intero sistema.
Si è voluto comunque fare un ultimo tentativo: sabato mattina ANIS ha partecipato all’incontro con il Governo insieme ad ABS per trovare soluzioni alternative e condivise per il sistema bancario. In questa occasione, oltre a chiedere una modifica sostanziale di alcuni punti dei tre “decreti banche” per attutire i loro potenziali effetti negativi e per l’impiego dei 45 milioni del Fondiss, abbiamo anche chiesto con forza il ritiro del progetto di legge sviluppo. Un provvedimento che, nell’ultima stesura, va ancora di più nella direzione opposta allo sviluppo e all’attrazione di investimenti, complicando l’operatività delle imprese anziché semplificarla come da tutti auspicato e aggiungendo ulteriori oneri, come purtroppo farà anche il provvedimento per l’assestamento di bilancio.
Non avendo ricevuto rassicurazioni in tal senso, riteniamo opportuno manifestare con ancor più chiarezza e determinazione il nostro dissenso rispetto alle scelte del Governo. Abbiamo quindi deciso, come deliberato nel Consiglio Direttivo, di aderire alla manifestazione indetta per martedì 18 luglio p.v. alle ore 17.00 in Piazza della Libertà.

ANIS
San Marino, 17 luglio 2017

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy