San Marino. Fatture false e truffa, ricorso al Giudice per i rimedi straordinari

SAN MARINO Antonio Fabbri su L’informazione di San Marino:  Ricorso al Giudice per i rimedi straordinari in un caso di fatture false e truffa

In primo grado era stato condannato a 9 mesi per emissione di fatture per operazioni inesistenti, pena sospesa, Manilo Travaglini, titolare della Informatica Sm srl. Tramite messenger comunicava con i clienti e definiva “lavatrici” due società italiane, la SgGamma e la Magiplast, e a queste faceva riferimento per vendite in nero. Così tra il 2010 e il 2011 aveva emesso fatture per operazioni inesistenti per oltre un milione di euro.

Di qui la contestazione, appunto, per le fatture false e per truffa allo Stato, avendo richiesto il rimborso monofase non dovuto all’amministrazione pubblica, ottenendo la restituzione dell’imposta per 139.150,48 euro. Il giudice ha condannato anche al risarcimento del danno pari all’importo indebitamente rimborsato e al danno non patrimoniale arrecato allo stato. La condanna è stata confermata in appello in quanto il giudice Brunelli ha ritenuto inammissibile l’impugnazione.

Il legale dell’imputato, Rossano Fabbri, che aveva sollevato l’intervenuta prescrizione processuale del caso, ha presentato ricorso davanti al giudice per i rimedi straordinari, Vitaliano Esposito.

Ieri l’udienza. L’avvocato Rossano Fabbri ha sollevato una divergenza interpretativa della norma da parte del giudice delle appellazioni, anche rispetto a sue stesse sentenze. “Stesse circostanze vengono valutate in maniera diversa”, ha affermato.

Proprio questo per il legale legittimerebbe il ricorso al Giudice per i rimedi straordinari. Il procuratore del Fisco giorgia Ugolini dal canto suo, pur trovandosi d’accordo per certi aspetti con l’avvocato Rossano Fabbri quanto all’interpretazione data dal Giudice delle appellazioni divergente rispetto ad una giurisprudenza consolidata, ritiene che il ricorso sia inammissibile, considerato che, affinché venga ammesso, deve riguardare decisioni inconciliabili relative ai medesimi fatti storici.

Il giudice Esposito si è riservato di decidere.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy