San Marino. Seduta di Consiglio infuocata. Il direttore della Dia scatena l’opposizione

SAN MARINO. L’informazione di San Marino: Le dichiarazioni del direttore della DIA scatenano l’opposizione, mentre la maggioranza si concentra sulla fuga dei medici dall’ISS

Non solo Sanità. A rendere teso il dibattito in Consiglio c’è anche il tema riciclaggio. Con le ultime dichiarazioni del direttore della Dia. Attacca Davide Forcellini, Rete: “Il direttore generale della Direzione Investigativa Antimafia, Governale, parla di infiltrazioni malavitose e di riciclaggio. Parla del problema dei piccoli Stati che sono oggetto delle attenzioni di criminali della finanza mondiale che si impossessano dei loro centri nevralgici. (…)

E Mariella Mularoni, Pdcs, aggiunge: “Abbiamo un governo sordo alle problematiche del paese nonostante manifesti buoni propositi poi regolarmente si sottrae al confronto e che evita dibattiti importanti in Cgg e che da 18 mesi attua politiche repressive e di protezione a lobby affaristiche e non capisce sia necessaria inversione di marcia. Circa l’emergenza sanità sono tanti i fattori che hanno scatenato l’emorragia medici: precariato, esercizio libera professione, impossibilità di lavorare in pensione, valorizzazione del ruolo, certezza su gestione turni e riposi. (…)

Ma è anche la patrimoniale uno degli argomenti dibattuti. Sottolinea Roger Zavoli, Rf: “La Patrimoniale è un provvedimento che non fa piacere ma l’interesse generale richiede interventi anche non popolari. Credete che per governo e maggioranza sia esaltante portare il decreto sulla patrimoniale in ratifica? No, non lo è. (…)

Ma Teodoro Lonfernini, Pdcs, rilancia: “Nell’intervento di Zavoli faccio fatica a trovare buona fede nella ricerca di un dialogo costruttivo, quando imposta un attacco strumentale a una parte di opposizione, in particolare la Dc”.(…)

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy