San Marino. In Aula la spending review

SAN MARINO. Seduta odierna pomeridiana del Consiglio Grande e Generale (14-22 giugno 2018). Resoconto San Marino News Agency.

L’Ordine del giorno di Ssd, Rf e C10, conclusivo del dibattito sul Piano esecutivo pluriennale delle misure per la riduzione e riqualificazione delle spesa corrente, viene approvato con 27 voti a favore, zero contrari e zero astenuti (con i soli voti della maggioranza)

L’Aula affronta per tutta la seduta odierna il tema della spending review, proseguendo il dibattito di ieri notte, al comma 17, “Presentazione del piano esecutivo pluriennale delle misure finalizzate alla riduzione e riqualificazione della spesa corrente”, sulla relativa relazione portata in Aula dal Segretario di Stato per gli Affari Interni Guerrino Zanotti. Il dibattito è molto partecipato e diversi consiglieri di maggioranza, come lo stesso Segretario, rilevano con favore il clima propositivo e civile in cui si svolge il confronto, malgrado da parte dell’opposizione non si manchi di portare critiche alla relazione, considerata troppo generica e priva di proposte e obiettivi e lamentando l’assenza di un’agenda di interventi puntuali. Tema più volte sollevato è quello della riduzione delle retribuzione del personale e, in particolare, la proposta di ridurre di un’ora l’orario settimanale dei dipendenti pubblici. Il Segretario Zanotti annuncia  che verrà presentata formalmente al tavolo aperto con i sindacati già domani “una proposta per il taglio della spesa degli stipendi”. 

Al termine del dibattito, non si giunge a una condivisione sull’ordine del giorno conclusivo presentato dalle forze di maggioranza. In dettaglio, il testo approva da parte del Consiglio la relazione del Segretario di Stato per gli Affari interni che identifica “le priorità per imprimere una svolta della gestione del settore con due obiettivi: ridurre l’incidenza della spesa sul bilancio dello Stato; organizzare il lavoro affinché efficienza, qualità e professionalità trasformino la Pa in un vero motore per l’economia”. Quindi individua che tali obiettivi siano conseguiti “mediante: -la revisione dell’organigramma, anche attraverso accorpamenti e riorganizzazione degli uffici;- individuazione di compiti e obiettivi per i dirigenti sui quali dovranno essere ex post valutati; (..) – formazione dei pubblici dipendenti; -valutazione preventiva degli organi di controllo sui provvedimenti normativi che richiedono spesa; – razionalizzazione degli acquisti, – interventi di solidarietà generale e integenerazionale, contenimento del costo del personale in ottica di equità”. Infine l’Odg “invita la Segreteria di Stato per gli Affari interni e l’intero Governo a mettere in atto al più presto gli interventi amministrativi e normativi capaci di raggiungere gli obiettivi sopraesposti, tenendo presente il necessario confronto e la contrattazione con le parti sociali in primo luogo in materia di rinnovo contrattuale  e interagendo con l’imminente applicazione della normativa Icee”.  I gruppi di minoranza rifiutano il testo di Adesso.sm: “Non è in linea con quello che è stato il dibattito- sintetizza Alessandro Mancini, Ps- e non dà un indirizzo né politico né tecnico”. Per Giuseppe Maria Morganti, Ssd, al contrario l’Odg dà un mandato politico al governo, quello di trasformare la Pubblica amministrazione:  “Chi si sottrae- manda a dire- o ha qualcosa da difendere o non ha le idee chiare o lo fa per partito preso, perché è all’opposizone e deve respingere tutto”. Prima di terminare la seduta l’Odg viene messo al voto: il testo viene approvato con 27 sì. I lavori riprenderanno domani con l’esame dei progetti di legge in prima lettura. 

Sono intervenuti

Comma 17 Presentazione del Piano esecutivo pluriennale delle misure finalizzate alla riduzione e riqualificazione della spesa corrente di cui all’articolo 52 della Legge n.147/2017 e successivo dibattito”.

Mimma Zavoli, C10  

Francesco Mussoni, Pdcs

Luca Santolini, C10

Fabrizio Francioni, Ssd

Teodoro Lonfenini, Pdcs

Jader Tosi, C10

Davide Forcellini, Rete

Gian Carlo Venturini, Pdcs

Lorenzo Lonfernini, Rf

Alessandro Mancini, Ps 

Gian Carlo Capicchioni, Psd

Tony Margiotta, Ssd

Dalibor Riccardi, Indipendente

Marianna Bucci, Rete

Eva Guidi, Ssd

Mara Valentini, Rf

Franco Santi, Sds Sanità

Gian Matteo Zeppa, Rete

Nicola Selva, Rf

Alessandro Cardelli, Pdcs

Luca Boschi, C10

Andrea Zafferani, Sds Industria

Marica Montemaggi, C10

Grazia Zafferani Rete

Roberto Giorgetti, Rf

Marco Gatti, Pdcs

Giuseppe Maria Morganti, Ssd

Guerrino Zanotti, Sds Affari Interni replica

Marica Montemaggi, C10 dà lettura dell’Odg di maggioranza

Il Consiglio Grande e generale (…) approva la relazione del Segretario di Stato per gli Affari interni che affronta il tema in modo completo identificando le priorità per imprimere una svolta della gestione del settore con due obiettivi: ridurre l’incidenza della spesa sul bilancio dello Stato; organizzare il lavoro affinché efficienza, qualità e professionalità trasformino la Pa in un vero motore per l’economia;

Condivide che tali obiettivi devono essere conseguiti mediante: -la revisione dell’organigramma, anche attraverso accorpamenti e riorganizzazione degli uffici;- individuazione di compiti e obiettivi per i dirigenti sui quali dovranno essere ex post valutati; (..) – formazione dei pubblici dipendenti; -valutazione preventiva degli organi di controllo sui provvedimenti normativi che richiedono spesa; – razionalizzazione degli acquisti, – interventi di solidarietà generale e integenerazionale, contenimento del costo del personale in ottica di equità;  Infine invita la Segreteria di Stato per gli Affari interni e l’intero Governo a mettere in atto al più presto gli interventi amministrativi e normativi capaci di raggiungere gli obiettivi sopraesposti, tenendo presente il necessario confronto e la contrattazione con le parti sociali in primo luogo in materia di rinnovo contrattuale  e interagendo con l’imminente applicazione della normativa Icee.

 Su Odg di maggioranza, Dichiarazioni di voto/ approvato con 27 voti a favore, zero contrari, zero astenuti (i consiglieri di minoranza non partecipano al voto).

Alessandro Mancini, Ps

Pasquale Valentini, Pdcs

Gian Matteo Zeppa, Rete

Dalibor Riccardi, Indipendente

Iro Belluzzi, Psd

Giuseppe Maria Morganti, Ssd

Leggi il resoconto SMNA

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy