San Marino. Recenti posizioni Csdl

COMUNICATO STAMPA

L’arcano è ormai svelato. Il Segretario Generale della Csdl è ossessionato dal nostro governo e lo è a tal punto da non perdere mai l’occasione pur di inasprire il livello della conflittualità, persino quando la ragionevolezza e la logica dovrebbero condurre ad assumere un atteggiamento più serio e responsabile.

Costi quel che costi il governo va mandato a casa, è questo l’obiettivo di Giuliano Tamagnini, che ultimamente più che Segretario Generale della Csdl appare essere il leader massimo dell’opposizione. Pur di mettere in difficoltà l’attuale esecutivo tutto è legittimo, anche alimentare il caos nel settore bancario promuovendo improbabili stati di mobilitazione che ben poco hanno a che vedere con la tutela dei posti di lavoro.

È questa la realtà ed è una realtà piuttosto avvilente e triste dal nostro punto di vista, in quanto per il governo le organizzazioni sindacali rappresentano un interlocutore fondamentale per confrontarsi sulle scelte da adottare per dare risposte concrete e tempestive al mondo del lavoro e più in generale all’intero sistema economico della Repubblica di San Marino.

Non abbiamo problemi a riconoscere che in questi primi 18 mesi di legislatura in certe occasioni l’approccio del governo verso le organizzazioni sindacali poteva essere diverso e più dialogante, ora però va detto con altrettanta chiarezza che il Segretario Generale della Csdl ha un obiettivo politico ben definito – la caduta del governo – che lo porta a rapportarsi con noi con una posizione di pregiudiziale contrarietà anche quando da parte nostra c’è la massima disponibilità alla discussione e al ragionamento.

È comprensibile che per il Segretario Generale della Csdl fosse più semplice rapportarsi con i governi precedenti, in particolare con quelli degli anni “d’oro”, anni in cui tutto sembrava lecito e possibile e veniva giustificato da un Paese che cresceva a ritmi strabilianti. Erano i tempi in cui sono state prese le principali decisioni di cui oggi l’intera comunità sammarinese paga a caro prezzo le conseguenze negative.

Il mondo è cambiato e l’auspicio è che prima o poi anche il Segretario Generale della Csdl se ne accorga, perché il governo riconosce a lui e alla organizzazione sindacale da lui diretta, un ruolo di straordinaria importanza per portare avanti in modo adeguato e efficiente il processo di risanamento e rilancio del nostro Paese, che non va realizzato contro qualcuno ma nell’interesse di tutti.

Il governo non è mai stato, non è e mai sarà contro la Csdl. Il governo insieme alla Csdl e a tutte le altre parti sociali vuole impegnarsi per dare una prospettiva seria e credibile ai sammarinesi, nella piena consapevolezza della complessità della situazione attuale. In conclusione ci sia consentita una piccolissima battuta sull’affermazione di Giuliano Tamagnini, “un governo di bambini”: meglio i bambini di questo governo, che i ladri degli anni “d’oro”.

San Marino, 1 luglio 2018

Ufficio stampa Congresso di Stato

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy