San Marino. “Riforma delle pensioni, il Governo sta forse preparando un blitz in Consiglio?”

SAN MARINO. “Il Governo sta forse preparando un blitz in Consiglio?” E’ la domanda che si pone la Federazione Unitaria Pensionati Sammarinese, che prende posizione sul tema della riforma delle pensioni. 

[C.S.] Dopo alcuni incontri con il Governo di avvio del confronto, tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, e dopo le serate con la cittadinanza organizzate dallo stesso Esecutivo, negli ultimi mesi non abbiamo avuto più notizie della riforma pensionistica.

 
A questo punto il nostro timore è che stante l’attuale clima di conflittualità, e visto che nel Piano Nazionale di Stabilità e Sviluppo il Governo ha inserito l’impegno a varare la riforma pensionistica entro il 2018, ci potremmo trovare improvvisamente una legge portata in prima lettura senza avere nessuna possibilità di concertazione su questo argomento di vitale importanza per tutta la popolazione di San Marino.
 
E visto che prima del periodo feriale di agosto è prevista una lunga sessione consiliare, non è che per quell’occasione il Governo sta preparando, a nostra insaputa, un provvedimento da avviare all’iter consiliare?
 
Auspichiamo senz’altro che non sia questo lo scenario che ci aspetta, e che questo dubbio sia al più presto smentito. Ci aspettiamo invece dal Governo la volontà di ricercare una reale condivisione attraverso il confronto e la concertazione con le parti sociali che alimentano i fondi pensione, ovvero i sindacati, che sono i rappresentanti dei lavoratori e dei pensionati, e le associazioni di categoria.
      
Noi pensionati siamo coscienti che se il paese si trova in una crisi prolungata, anche se non certo per nostra responsabilità, ed ha bisogno di chiedere sacrifici ai cittadini, chi governa non può pensare di rivolgersi solo a coloro che hanno un reddito fisso e quindi trasparente, mentre ci sono altre categorie che si sono arricchite negli anni anche grazie ad una tassazione minima o addirittura all’elusione fiscale, e che continuano a non pagare le tasse in base ai loro redditi reali.
 
I pensionati sono già stati tassati durante la loro vita lavorativa. Da tenere presente che dal 1° gennaio 2012 i pensionati versano un contributo di solidarietà a partire dal 2% per le pensioni superiori a 1.501 €, e in progressione fino al 10,50% dell’imponibile netto. Per questo, se vanno fatti sacrifici debbono coinvolgere tutta la popolazione sammarinese, attuando finalmente una vera equità fiscale.
 
Da anni le banche si reggono grazie alle risorse pensionistiche: negli istituti di credito sono depositati circa 500 milioni di euro dei fondi pensione, risorse non esenti da rischio perché finora nessun Governo ha voluto assicurare le massime garanzie attraverso provvedimenti che tutelino queste risorse – che sono di proprietà dei pensionati e dei lavoratori – da eventuali fallimenti delle banche in cui sono investiti.
 
FUPS-CSdL
(Federazione Unitaria Pensionati Sammarinese)
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy