San Marino. L’Apas condanna la nuova stagione venatoria

“Una pratica dannosa e anacronistica, esercitata da una minoranza di persone, che si arrogano il diritto di uccidere esseri inermi e innocenti”.

A criticare l’imminente avvio di una nuova stagione di caccia è l’Associazione sammarinese protezione animali, che in una nota esprime tutta la sua preoccupazione per il futuro della fauna selvatica presente sul Titano: “Non avranno più scampo i migratori e la fauna stanziale, lepri, pernici e fagiani, a cui in particolare sarà dedicato come d’abitudine il ‘pronta caccia’, pratica vergognosa consistente nel mettere in libertà poche settimane prima dell’apertura della stagione venatoria giovani esemplari nati e allevati in cattività, praticamente domestici e non abituati a sopravvivere in natura”.

Criticata la novità di quest’anno, cioè l’inserimento del piccione in calendario venatorio: “Con un prelievo giornaliero di 10 capi, anche questa specie non sfuggirà alla strage – manda a dire l’Associazione sammarinese protezione animali -. Infierire poi su un volatile semidomestico, abituato a vivere vicino all’uomo e persino da esso alimentato, è pura crudeltà che ci riporta agli anni bui e cinici del tiro al piccione, pratica disumana che fortunatamente l’Apas e tanti cittadini firmatari hanno chiesto di abolire”.

Leggi il testo integrale del comunicato

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy