San Marino. Il messaggio di fine anno dei Capitani Reggenti

Alla vigilia del nuovo anno desideriamo porgere a tutti i Sammarinesi, siano essi residenti in patria o all’estero, il nostro più affettuoso e cordiale augurio.

Un augurio che, anche in questa occasione, come da consuetudine, si unisce ad alcune nostre considerazioni e riflessioni sull’anno che sta per concludersi e sull’anno che tra poco inizierà.

La chiusura anticipata della legislatura ha visto la nostra popolazione, dopo la consultazione referendaria dello scorso giugno, recarsi nuovamente alle urne per decidere il futuro assetto politico e istituzionale della nostra Repubblica. Una prova importante di partecipazione, in un momento in cui sono ovunque sempre più diffusi sentimenti di disaffezione e di sfiducia che si traducono in astensionismo. Un fenomeno fisiologico entro certi limiti e che, se pur contenuto, riteniamo debba essere guardato con particolare attenzione soprattutto in una realtà come quella sammarinese da sempre caratterizzata da un’alta partecipazione elettorale.

Un segnale, comunque, che, in particolare, tutte le forze politiche devono considerare quale stimolo ad un più forte impegno affinché la politica possa essere percepita e sempre più corrispondere alle aspettative dei cittadini, all’esigenza di guardare con sentimenti di fiducia e di speranza al futuro.

E in questo particolare momento è un grande senso di responsabilità e di equilibrio quanto i nostri cittadini si aspettano da parte di tutti coloro cui hanno affidato il mandato di rappresentare i loro bisogni e le loro esigenze. Quello stesso senso di responsabilità che è richiesto dalle sfide che ci troviamo ad affrontare, dal percorso che dobbiamo portare avanti con determinazione, capacità e lungimiranza. Avendo comunque sempre presente che governare un paese, soprattutto nei momenti di difficoltà, implica di prestare ancora maggior attenzione alla coesione e alle fasce più vulnerabili della nostra comunità.

Con queste sfide dovrà confrontarsi, in particolare, l’esecutivo che a breve si insedierà, chiamato a trovare soluzioni per superare persistenti criticità che rallentano sviluppo e crescita, ad incrementare competitività e attrattività del nostro sistemapaese, a realizzare progetti che possano ridare un rinnovato impulso e dinamismo alla nostra economia e al nostro Paese.

Il necessario, improcrastinabile lavoro sulle più urgenti risposte ai problemi, deve andare di pari passo con l’impegno teso a rafforzare il sentimento di essere una comunità, con uno stesso patrimonio materiale e ideale da custodire e valorizzare, con un futuro per noi e per le generazioni a venire da costruire insieme.

Come in altri significativi momenti, che fanno parte della nostra storia e della nostra identità, dobbiamo adoperarci per valorizzare quanto di essenziale, al di là delle differenti posizioni e sensibilità, ci unisce e ci lega a uno stesso destino: l’orgoglio di appartenere a questa Repubblica, la fiducia nelle capacità e nelle tante potenzialità in essa presenti, la volontà di non disperderne il più importante capitale, quello umano e quello dei giovani in particolare.

A loro, alle nuove generazioni dobbiamo prospettare un modello di sviluppo in grado di corrispondere alle loro aspettative, di sostenerne l’impegno e di premiarne il merito, di metterne a frutto, a beneficio della nostra stessa comunità, competenze, professionalità e qualificazioni, quelle stesse che, poi, sono indispensabili anche alla crescita e allo sviluppo dei settori più innovativi.

Il nostro pensiero è rivolto anche a coloro che, trovandosi in condizioni di fragilità e debolezza, confidano di poter guardare al nuovo anno con sentimenti di maggior speranza e tranquillità. A loro, in particolare, va assicurato il massimo impegno per consolidare e rafforzare quel patto solidale che unisce le diverse generazioni e tutti gli appartenenti ad una stessa comunità, facendo sì che nessuno venga, nel momento di maggior vulnerabilità e bisogno, lasciato solo. Come sappiamo ad integrare i servizi offerti dall’Istituto Sicurezza Sociale, messi a dura prova dalla lunga e perdurante crisi, anche occupazionale, è stata l’impareggiabile opera svolta dalle tante associazioni di volontariato presenti in territorio.

A loro va oggi la riconoscenza nostra e delle Istituzioni per l’aiuto e il sostegno portato a tante persone e famiglie in difficoltà, per la quotidiana, costante testimonianza di ascolto e di condivisione, per averci mostrato quanto la nostra comunità sia in grado di esprimere uno straordinario patrimonio di valori e di risorse umane.

Siamo convinti che la loro esperienza, la loro capacità di mobilitarsi per conseguire ulteriori obiettivi umanitari e traguardi di civiltà possano rappresentare un esempio per tutti coloro che vogliono porsi al servizio del nostro Paese e della sua crescita, animati dalla volontà di conseguire, al di sopra di ogni interesse di parte, il bene della nostra collettività. Confidiamo che l’impegno di coloro che, animati da questo spirito, sono stati chiamati a ricoprire incarichi istituzionali sappia tradursi in disponibilità a ricercare, attraverso il dialogo e il confronto, le soluzioni migliori, nella capacità di ridurre la distanza tra i cittadini e la politica, nell’utilizzo di atteggiamenti e di un linguaggio che denoti sempre considerazione e rispetto per l’avversario, per la sua dignità e per le differenti posizioni, ad una costante attenzione alla salvaguardia e valorizzazione dell’autorevolezza del nostro Paese e delle sue Istituzioni.

Un Paese che non può esimersi dal confrontarsi anche con le più importanti sfide di questo terzo millennio, dal portare avanti, all’interno ma anche al di fuori dei nostri confini, un percorso di sempre maggior promozione dei diritti umani, di impegno a favore del confronto e del dialogo quale unica via percorribile per giungere a una pace duratura, la sola garanzia di crescita e benessere per tutti. Un impegno che discende dal patrimonio ideale e morale di cui il nostro popolo è sempre stato depositario e geloso custode e che dobbiamo, con orgoglio e convinzione, contribuire a trasmettere di generazione in generazione. Questo impegno ha sempre distinto la nostra Repubblica in ambito internazionale ed è da declinare in modo diverso nei differenti contesti storici, di fronte a sempre nuove sfide e minacce. Tra le quali, quella ambientale, che sta rischiando di compromettere, con le condizioni di sostenibilità del nostro pianeta, anche i più fondamentali diritti delle generazioni a venire. Siamo chiamati a fare la nostra parte, ad accogliere l’autorevole richiamo del Santo Padre, ad assumerci le nostre responsabilità nei confronti dei giovani.

Il nostro auspicio pertanto è che la nostra collettività possa portare avanti con convinzione e fierezza un percorso sempre più virtuoso, sorretta da quei solidi valori morali e da quel profondo attaccamento al Paese che rappresentano la più solida premessa per guardare con fiducia al nostro futuro.

A voi tutti, carissime concittadine e carissimi concittadini, al termine di questo messaggio, giunga il più sincero e sentito augurio per il nuovo anno.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy