San Marino. Don Mangiarotti: “Più spazio all’autenticità dell’uomo”

Una nuova riflessione di don Gabriele Mangiarotti sulla società di oggi.

“Parliamo della morte, anzi, della uccisione degli uomini come diritto o gesto di pietà, pensiamo alla comunicazione come a uno spazio di propaganda per gli ‘amici’ e censura per chi è testimone di un pensiero diverso

Secondo don Mangiarotti, “si usa la scuola per indottrinare i giovani, si comunica un’immagine di persona come un prodotto della propria volontà, rifiutando il dato della natura e si vuole togliere la voce a coloro che rivendicano il volto umano dei rapporti sessuali accusandoli di essere ‘omofobi’, accusandoli di una ‘paura’ contro la libera espressione di sé”.

“Il compito che allora si apre per ciascuno di noi, il compito della verità, è quello di dare spazio e testimonianza a quelle opere buone che mostrano, con il loro esserci concreto, il volto autentico dell’uomo”, chiosa don Gabriele Mangiarotti.

Leggi il testo integrale della nuova riflessione di don Gabriele Mangiarotti

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy