San Marino. Csir: “Esclusi i frontalieri dal decreto Rilancio”

“Frontalieri esclusi dal ‘decreto Rilancio’”

Forte protesta dei sindacati che radunano i lavoratori che arrivano dal Riminese ma anche dalle Marche

“Frontalieri esclusi dal ‘decreto Rilancio’. Dato il grave momento di difficoltà, nessuno può essere lasciato indietro”. Con queste parole il Csir San Marino-Emilia Romagna-Marche, dopo l’emanazione del decreto Rilancio”. Decreto “che non prevede – dice il presidente del Csir, Paride Neri – norme a tutela del reddito dei frontalieri italiani sprovvisti di copertura Naspi o altri analoghi ammortizzatori sociali quali indennità, congedi parentali o sostegno al reddito con surroga dell’Inps, per coloro i quali, lavoratori autonomi, subordinati e parasubordinati, ne fossero sprovvisti, si unisce all’appello dei rappresentanti nazionali di Cgil, Cisl e Uil che invitano tutte le forze politiche ad adoperarsi, in fase di conversione del decreto, a includere tra i destinatari degli interventi di aiuto predisposti anche i lavoratori frontalieri che lavorano o che hanno perso il lavoro e non beneficiano di strumenti di protezione del reddito”. (…)

Articolo tratto da L’Informazione di San Marino

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy