San Marino. «Bancarotta? È il primo debito in 1.700 anni»

«Bancarotta? È il primo debito in 1.700 anni»

Il segretario Teodoro Lonfernini spegne le voci di default sul Titano: «Ci sono alcune criticità ma il nostro sistema è solido»

DONATELLA FILIPPI. Il peso di una crisi finanziaria ormai decennale alla quale si è aggiunto il peso dell’emergenza sanitaria. Il momento non è facile e San Marino sta, per la prima volta nella suo storia lunga 1.700 anni, bussando a qualche porta lontano da casa per ricevere un prestito da 500 milioni per il quale il governo sammarinese si avvarrà di J.P. Morgan e Rothschild come advisor.
Segretario Teodoro Lonfernini, San Marino è a rischio bancarotta come sostiene qualcuno?
«Non siamo in default e tanto meno è a rischio la nostra sovranità. Viviamo una condizione di carattere economico e finanziario non semplice, ma sulla quale stiamo lavorando attentamente. E’ vero, il sistema bancario e finanziario è alle prese con alcune criticità dovute alle scelte di trasparenza adotatte senza ripensamenti. Vogliamo rimetterci in equilibrio e per farlo abbiamo deciso di aprire delle partite che fino qualche anno fa erano impensabili»
.  (…)

Tratto da Il Resto del Carlino

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy