Bellaria. Atti vandalici in spiaggia

Gli distruggono il bagno, poi si scusano

Post del titolare dello stabilimento balneare: “So chi siete, risarcitemi o vi denuncio”

MARIO GRADARA – Vandali scatenati sulla spiaggia di Bellaria Igea Marina. Il bagnino imbufalito pubblica un post di ’avvertimento’ dove dice di sapere chi sono grazie alle telecamere, loro si presentano, si scusano e promettono di pagare i danni, per evitare la denuncia. Insolito lieto fine per l’ennesimo atto di devastazione sull’arenile. Gli ultimi stabilimenti balneari presi di mira sono i bagni 74, 75 e 76 di Igea Centro. “Hanno sradicato ombrelloni, ribaltato lettini e disseminato bottiglie e cocci per tutto l’arenile – sbotta Spartaco Gori, detto ’Poppy’, titolare dei bagni 74 e 75 –. Ci sono volute due ore di lavoro di diverse persone per sistemare la zona, più i danni provocati”. Gori ieri mattina, scoperto il misfatto, ha postato sui social il risultato dell’ennesima incursione in riva al mare, con tanto di ultimatum: “Un bel disastro stanotte. Alle cinque del pomeriggio vado dai carabinieri a fare denuncia. Ho le immagini delle telecamere, quindi so chi è stato. Dunque cari amici che avete semidistrutto il bagno 75 e il 76 avete poche ore per venire qui a spiegarvi. Ripeto, oggi farò la denuncia se nessuno viene a spiegarsi. Genitori, poi non venite a lamentarvi”. Seguono 140 commenti di residenti e turisti indignati, alcuni dei quali invitano a procedere alla maniere forti. Ma a leggere il post sono stati anche i responsabili: “Si è presentato il primo intorno a mezzogiorno – racconta Gori –, mi ha detto che erano sei amici, ubriachi, che non lo rifaranno, si è scusato. Abitano tutti nella zona. Alzano troppo il gomito, e girano a cercare guai. Pare siano ’nemici’ di alcuni ragazzi ospiti del mio bagno. Io gli ho detto che è stato intelligente a presentarsi. Nel pomeriggio sono venuti gli altri. Gli ho quantificato i danni. Mi hanno chiesto qualche giorno di tempo per avviare una piccola colletta e raccogliere la cifra. Ho detto che non avrei sporto denuncia se mi risarcivano, cosa che farò se non accadrà”. (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy