Rimini. Insulta le vigilesse, ma ’dribbla’ la condanna

Insulta le vigilesse, ma ’dribbla’ la condanna

Una giovane riminese ha pagato 600 euro di risarcimento per le offese rivolte alle agenti che aveva sorpreso a multarle l’auto

GRAZIA BUSCAGLIA. Ha pagato seicento euro per aver insultato due vigilesse che l’avevano multata. Così ha evitato una condanna penale. Una sfuriata in piena regola, quella di cui è stata protagonista una ventenne riminese (difesa dall’avvocato Paolo Ghiselli), che è riuscita, nonostante tutto, a non subire una condanna penale per quelle ingiurie rivolte. La giovane aveva letteralmente perso la testa quando aveva visto le due vigilesse della Polizia locale di Rimini aggirarsi intorno alla sua auto. E le aveva coperte di insulti. La ragazza era stata, infatti, denunciata dalle due agenti dei vigili urbani per oltraggio a pubblico ufficiale. Ieri mattina, davanti al gup Manuel Bianchi, la riminese ha dribblato la condanna perché il ’reato era stato estinto’.  (…)

Tratto da Il Resto del Carlino

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy