Stop ad AstraZeneca, 10mila romagnoli cambieranno vaccino anti-Covid

“Cambieremo vaccino a 10mila romagnoli”

MANUEL SPADAZZI – “Mi date Astrazeneca? Allora io il vaccino non lo faccio”. Stanno aumentando negli ultimi giorni le rinunce all’antidoto di Oxford, a Rimini così come nel resto della Romagna, tra chi si presenta in uno degli hub vaccinali per la prima dose. Astrazeneca viene somministrato solo a chi ha più di 60 anni. “In Emilia Romagna questo accade già da diversi mesi – ricorda Raffaella Angelini, a capo del dipartimento di Igiene e Sanità Pubblica di Ausl Romagna – mentre in altre regioni l’hanno iniettato anche ai giovani in occasione degli open day”. Dopo la morte della diciottenne genovese Camilla, il governo ha deciso che Astrazeneca non può più essere dato a chi ha meno di 60 anni, nemmeno nel caso si tratti del richiamo e non della prima dose. Quanti sono i romagnoli sotto i 60 anni vaccinati con Astrazeneca, che devono ancora sottoporsi al richiamo? “Oltre 10mila. Per la precisione, ne abbiamo 3.473 che hanno ricevuto la prima dose di Astrazeneca negli hub vaccinali, e altri 7.377 dai medici di base. Stiamo parlando soprattutto di personale scolastico, universitario e delle forze dell’ordine, ma non solo. Anche altre categorie, per esempio impiegati e personale amministrativo dell’Ausl, hanno avuto Astrazeneca”. (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy