Allarme infiltrazioni mafiose in Emilia Romagna, Dia: “Covid elemento di rischio”

Allarme infiltrazioni nella semestrale. Dia: Covid elemento di rischio

ANDREA ROSSINI – “Sto coronavirus è stato proprio un buon affare”. La frase, intercettata nel corso dell’indagine riminese “Dirty cleaning” della Guardia di Finanza sintetizza il compiacimento per i redditizi risultati raggiunti da un imprenditore pregiudicato napoletano vicino al clan Di Lauro ed è citata nella relazione semestrale della Direzione investigativa antimafia al Parlamento. Appena pubblicata, si riferisce al secondo semestre del 2020. Dal dossier emerge che il Covid ha accentuato le conseguenze negative sul sistema sociale ed economico. Il timore è che le organizzazioni malavitose potrebbero approfittare delle difficoltà finanziarie dei cittadini e delle imprese. Di certo sono “sempre più orientate verso una sorta di metamorfosi evolutiva che riduce le strategie cruente per concentrarsi progressivamente sulla silente infiltrazione del sistema imprenditoriale”. “In territori come quello emiliano-romagnolo – si legge nella relazione – dove è soprattutto l’elevata dinamicità del tessuto economico a catalizzare gli interessi criminali convergono di frequente interessi mafiosi e interessi illegali di una criminalità economica comune”. (…)

Articolo tratto da Corriere Romagna

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy