Sospesi a Rimini e provincia oltre 80 infermieri No Vax

Sospesi già 80 infermieri, ospedali sotto pressione

MANUEL SPADAZZI – Sono saliti a più di 80, nel Riminese, gli infermieri sospesi perché non si sono vaccinati. Sono praticamente raddoppiati nel giro di una settimana gli operatori sanzionati. E tra gli infermieri fin qui lasciati a casa senza stipendio perché hanno rifiutato di immunizzarsi, più della metà sono in servizio negli ospedali o lavorano comunque alle dipendenze dirette dell’Ausl. La situazione è critica in diversi reparti. La sospensione degli infermieri non vaccinati sta provocando problemi organizzativi e disagi al Pronto Soccorso, al reparto di Terapia Intensiva Neonatale, alla Pneumologia. Ma le difficoltà ci sono anche in altre reparti. L’Ausl sta avendo problemi anche nell’organizzare l’assistenza domiciliare, perché alcuni degli infermieri No Vax sospesi erano impiegati nel servizio di cure a casa. I disagi sono destinati a crescere, perché a breve altri infermieri non vaccinati verranno sospesi dall’Ausl, compresi alcuni ospedalieri. La direzione dell’azienda sanitaria si è già mossa per cercare altri infermieri, nel frattempo alcuni saranno reclutati presso i Centri vaccinali. (…)

Articolo tratto da Il Resto del Carlino

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy