Rimini. Abuso edilizio nella casa dei profughi, Croce rossa e proprietà a processo

Abuso edilizio nella casa dei profughi, Croce rossa e proprietà a processo

Nel pieno dell’emergenza degli esuli nella casa colonica sono stati realizzati servizi non autorizzati

ENRICO CHIAVEGATTI. Nel 2017, nel pieno dell’emergenza sbarchi a Lampedusa, anche Rimini diede la propria disponibilità ad accogliere centinaia di richiedenti asilo che avevano attraversato il Mediterraneo con natanti di fortuna per cercare un futuro migliore. Furono tante le associazioni della provincia mobilitatesi sotto il coordinamento della Prefettura per dare loro ospitalità. Tra loro anche la Croce rossa riminese che in una casa colonica affittata a Sant’Aquilina ha dato vita al progetto, tutt’ora attivo, del centro di accoglienza “Casa Solferino”. (…)

Tratto dal Corriere Romagna 

——

Caro lettore, Libertas mai come ora svolge un servizio pubblico importante per tutta la comunità. Se apprezzi il nostro lavoro, da 20 anni per te gratuito, ti chiediamo un piccolo contributo per aiutarci in questo momento straordinario. 
 
Anche un caffè alla settimana per noi può fare la differenza.
 
Puoi usare Paypal cliccando qui:
 
 
oppure facendo un bonifico con causale DONAZIONE all’IBAN intestato a Libertas:
 
SM78R0606709802000020148782
 
 
 
Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy