Ostia, Campionato Italiano Esordienti

Sfiorato il colpo grosso da Matteo Bedetti

Lido di Ostia, 5 aprile 2008

La luce e lo splendido colpo d’occhio del PALAFIJLKAM di Ostia ci accoglie con le tribune già densamente popolate. Questo palazzetto, costruito una quindicina d’anni fa, è ancor oggi avveniristico, soprattutto per quanto riguarda l’abbattimento delle barriere architettoniche; è infatti possibile il transito delle carrozzelle fino nella sua parte più in alto.

Il Judo Club San Marino ha portato qui il proprio atleta, Matteo Bedetti, grazie alla sua vittoria nel campionato regionale delle Marche nella categoria “Esordienti B, 73 Kg.

La gara si presenta subito sotto i migliori auspici perché Matteo salta il primo turno per sorteggio: il numero degli atleti iscritti nel tabellone è dispari.

L’Istruttore tecnico Giovanni Troia e il Senpai Marco Bernardi che hanno molto “curato” il ragazzo settimana dopo settimana, ne approfittano per provare e riprovare le tecniche, sciogliendo così la tensione.

Il primo incontro Matteo lo vince per Ippon (proiettando l’avversario a terra sulla schiena) dopo pochi secondi dall’avvio; la vittoria è esaltante perché ottenuta nei confronti del Campione di Lombardia, regione da sempre ricca di judoka; gli accompagnatori, tra cui anche Gianfranco Giusti e Marino Zanotti, possono apprezzare anche la lealtà di Matteo che, invece di abbandonarsi alla gioia per la vittoria si cura dell’avversario rimasto a terra ma ferito unicamente nell’onore.
Nel secondo incontro Matteo incontra il Campione d’Abruzzo. Spinto dalla sua generosità e dimenticando l’invito, del suo istruttore e amico Giovanni, ad una iniziale prudenza di studio, si getta troppo presto all’attacco subendo la contro-tecnica dell’ottimo atleta abruzzese.

Nell’occasione Matteo si procura anche un infortunio alla schiena che lo condizionerà pesantemente per il proseguo della giornata.
Pur dolorante affronta il primo combattimento nel ripescaggio per il terzo posto e qui è addirittura strabiliante, offrendo al pubblico una gamma completa di punteggio prima di concludere l’incontro a terra immobilizzando l’avversario, il Campione di Sicilia, per il conteggio finale.

Il dolore però si fa più insopportabile e, nonostante il parere favorevole a continuare da parte del medico, intervento richiesto dall’Istruttore, Matteo è costretto a ritirarsi.

Un vero peccato perché i due avversari che lo separavano dalla Medaglia di Bronzo erano, almeno sulla carta, di livello minore rispetto a quelli incontrati.

Resta una gran bella giornata di judo per i colori bianco-azzurri del Judo Club San Marino e una prova di Matteo Bedetti encomiabile che non capita di vedere spesso durante un Campionato Italiano, per generosità, forza, eleganza e lealtà.

Judo Club San Marino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy