Paesi come San Marino, ‘caverna di Alì Babà’?

La classe politica della Repubblica di San Marino certamente ha contribuito a creare del Paese una immagine disastrosa nel settore finanziario continuando ad elevare ad esempio il numero dei soggetti autorizzati (dodici banche
e sessanta tra finanziarie, fiduciarie, società di gestione, compagnie d’assicurazioni), con manifesta impudenza, nonostante gli attacchi di Fabio di Vizio o di Banca d’Italia. O continuando a proteggere, fin con la spesa di un punto e mezzo di Pil, l’anonimato dei responsabili della vicenda
Banca del Titano.
Adesso il momento è gravissimo.
Adesso è tutto il mondo a chiedere chiarezza e trasparenza massima nel settore come dimostra l’incontro fra i ministri finanziari di 20 Paesi Ocse di ieri a Berlino: ‘ servono nuove regole internazionali contro l’evasione fiscale per impedire che i capitali siano portati nei paradisi fiscali all’estero ‘come nella caverna di Alì Babà’, ha commentato il ministro Giulio Tremonti. ‘. (Giornale.it)

Leggi la dichiarazione analoga di Tremonti sui paradisi fiscali diffusa dall’AGI. Pare proprio che Tremonti la riferisca a San Marino (e Montecarlo e Svizzera) senza nominarlo.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy