Partito socialista e Unione per la Repubblica contro la Finanziaria 2014

Partito Socialista e Unione per la Repubblica hanno votato contro alla legge di bilancio previsionale per l’esercizio finanziario 2014 e bilanci pluriennali 2014-2016.

Per prima cosa è doveroso rilevare che nel 2014 non verrà raggiunto il pareggio di bilancio nonostante ciò fosse stato assicurato a più riprese da parte del governo. Sulla base delle previsioni per il 2015 e il 2016 purtroppo la tendenza negativa sembra destinata a proseguire, andando ad aggravare ulteriormente lo stato di precarietà dei conti pubblici. Il governo non riesce ad invertire la rotta rispetto alla politica dell’indebitamento portata avanti in questi ultimi anni. Questo è estremamente pericoloso.

In secondo luogo il bilancio 2014 non coniuga in modo efficace rigore e crescita.

Sul piano del contenimento della spesa pubblica il governo procede con una impostazione basata sui tagli lineari. Non vengono colpiti sprechi e privilegi e la spesa corrente si attesta ancora su una percentuale prossima al 92%. Manca un piano strutturale di riduzione della spesa, d’altra parte la maggior parte delle raccomandazioni del comitato per la spending review al momento è rimasta lettera morta.

Le risorse previste per lo sviluppo sono del tutto insufficienti. Appena 60 milioni di euro nel prossimo triennio. Questa è la prova che il governo non ha un progetto complessivo per il rilancio dell’economia e dell’occupazione. Non ci sono idee e proposte concrete per uscire dal terribile declino iniziato oltre cinque anni fa.

Doveva e poteva essere il bilancio della svolta. Purtroppo così non è stato.

Si è persa l’ennesima occasione per porre termine alla spirale recessiva.

Davvero un peccato.

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy