Per gli industriali di San Marino la crisi con l’Italia non è solo colpa dei politici

Gli industriali della Repubblica di San Marino riuniti nell’Associazione Anis, sul loro giornale, Fixing, denunciano la grave crisi che coinvolge l’intero sistema bancario e finanziario (dodici banche
e cinquantotto finanziarie) ed in particolare si soffermano sul ritardo nella nomina del Presidente di
Banca Centrale della Repubblica di San Marino (rinuncia di
Savona

e di
Masera). Tuttavia danno la colpa non solo ai politici.

Si deve essere consapevoli del fatto che se San Marino è in questa situazione, gran parte delle responsabilità sono della politica, ma anche di un sistema amministrativo che ha mostrato lacune troppo vistose e pericolose per l’intero sistema. In settori chiave come quello della gestione della finanza poi non sono ammesse quelle ‘distrazioni’ che hanno portato all’esclusione della White List del Moneyval e che stanno mettendo in gravissima difficoltà non solo il comparto bancario ma tutte le imprese sammarinesi.

Vedi editoriale Fixing

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy